Atto primo

Atto primo

PDFStampaE-mail

(SCENA PRIMA)

(Sono le ore 14.30 del 24 Dicembre. Totonno dorme sul divano, avvolto in una vecchia coperta multicolore. In testa ha un berretto sportivo di lana, grigio. Dal calzino del piede destro, rotto al calcagno, fuoriesce l’alluce. Sul pavimento ci sono le pianelle ed il giornale che stava leggendo prima di addormentarsi. Il braccio sinistro pende dal divano e va sotto il giornale. Nannina sta sparecchiando la tavola. Entra ed esce dalla cucina varie volte. Suona il campanello. Totonno continua a dormire. Suona il campanello per la seconda volta.)

NANNINA: (Ad alta voce) Nu mumento!... Nu mumento!... Vanno tutte ‘e pressa! (Apre. E’ l’avvocato Caccavale.)

AVVOCATO: (Saluta con fare cerimonioso.) Signora Nannina!

NANNINA: (Con molta cordialità) Buongiorno, avvocà... Trasìte, trasìte!... Accomodatevi.

AVVOCATO: (c.s.) Grazie... grazie. (Entra)

NANNINA: (c.s.) Vuje site ‘o padrone dint’ â casa nosta!

AVVOCATO: E voi, signora Nannina, siete la padrona di casa più gentile che io abbia mai conosciuto. (Guarda verso il divano.) Come dorme beato vostro marito!... Eeeh! Lo invidio proprio. Io, invece, non trovo mai un poco di tempo per fare un bel sonnellino dopo pranzo.

NANNINA: Embè! Nu bello scampulillo fa pròpeto bene, specialmente a na certa età!... E po ogge è ‘a vigilia ‘e Natale!

AVVOCATO: E io devo lavorare pure oggi!... Signora Nannina, posso chiedervi una cortesia? (Nannina acconsente con ampi gesti.) Dopo aver cotto gli spaghetti, mia moglie si è ricordata di non aver preparato la salsa! Che ci volete fare? Quando torna dall’ufficio è sempre un po’ stonata, poveretta!... Ho pensato di condirli con un filo di olio. Voi ci pensate?! Un filo di olio dopo una giornata di lavoro!!!... Mi sono ricordato, allora, del profumino che ho sentito salendo le scale... Del profumino di quel ragù così squisito che solo voi sapete preparare...

NANNINA: (Interrompendolo) Io songo previdente! Io ‘o saccio che â mugliera vosta nu le piace ‘e cucinà! Specialmente ‘e fà ‘a sarza! E allora na cosa ‘a faccio sempe ‘e chiù e v’ ‘a stipo... Ne avevo già renchiuto nu vasetto pe vuje!

AVVOCATO: (Stringendo le mani di Nannina) Una seconda madre!!!... Una seconda madre voi siete!... Come farei senza di voi?... E’ una fortuna per me abitare in questa casa!... Naturalmente quando avete bisogno del mio aiuto, per qualsiasi cosa, co-man-da-te! Io sarò sempre a vostra completa disposizione... Il vostro umile servitore! (Fa un goffo inchino.)

NANNINA: Aspettate nu mumento. ‘O tengo dint’ ô frigorifero.

(Va in cucina. All’improvviso va in fiamme il giornale che sta sul pavimento vicino al divano.)

AVVOCATO: (Gridando esageratamente) Al fuoco!... Al fuoco! (Poi si avventa sul giornale, lo allontana con un piede e lo spegne calpestandolo ripetutamente.)

NANNINA: (Entra con il vasetto pieno di ragù, correndo spaventata.) Uh, mamma mia!... Ch’ è stato?

AVVOCATO: Calmatevi, calmatevi, signora Nannina! Huff! Calmatevi! Non c’è più pericolo!!!

TOTONNO: (Svegliandosi di soprassalto) Uh! Maronna mia dô Carmine!... Ch’è succieso?!?

NANNINA: Chello ch’è succieso! (Indica il giornale bruciacchiato.) Vurrìa proprio sapé quanno tô lieve stu benedetto vizio ‘e te cuccà câ sigaretta mmano! Quacche vota t’appìcce tu e ‘o rivàno!

TOTONNO: (Resosi conto del pericolo corso, con aria seria) Uhé! Uhé! Uhè!... Mo ce arricurdàvemo ‘a vigilia ‘e Natale!

NANNINA: Meno male che ce steva l’avvocato...

AVVOCATO: (Con molta esagerazione) Io ho capito immediatamente che c’era pericolo, perciò mi sono avventato sul fuoco e l’ho spento subito, altrimenti...

TOTONNO: (Minimizzando) Me cucevo nu poco ‘a mano.

AVVOCATO: (Continuando c.s.) ... poteva andare a fuoco tutta la casa!

TOTONNO: (Con molta ironia) Sì!... S’appicciava tutto ‘o palazzo!

NANNINA: (Furbamente) Avvocà, ‘o ragù se fa friddo!

AVVOCATO: Allora io salgo. (Mostrando il ragù) Signora Nannina, tante grazie. (Dalla porta) Ci vediamo stasera per gli auguri.

NANNINA: Facìte scénnere pure ‘a signora. Nuje pazziammo nu poco â tómmola.

AVVOCATO: Sì, sì, senz’altro. Arrivederci. (Uscendo, tra sé) Uhé! Poteva succedere un bel guaio!

 

(SCENA SECONDA)

 

(Totonno va a sedersi vicino alla tavola. Estrae dalla tasca un mazzo di carte napoletane e comincia a fare un solitario. Si sentono delle voci che provengono dalle scale. Nannina, intanto, raccoglie il giornale mezzo bruciato e pulisce il pavimento. Entra Stefano, il figlio ventenne, studente universitario.)

STEFANO: (Alludendo all’avvocato) Oi mà, che ce mancava mo?... ‘O sale o ‘o pepe?

TOTONNO: (Senza girarsi) ‘A sarza!

NANNINA: (Dà un’occhiataccia ad entrambi.) Io po vurrìa sapè pecché ‘o tenìte ncopp’ â panza!... Nuje tenìmmo na fortuna dint’ â casa e vuje ce sputate ncoppa.

STEFANO: Oi mà, ‘a fortuna è ‘a soja che ha truvato duje padrone ‘e casa fesse comm’a vuje!

TOTONNO: (Serafico, senza girarsi) Buone ‘e core, oi Stè... Buone ‘e core.

NANNINA: Cu tutte ‘e conoscenze che tene, chillo (Indica il piano superiore.) nu juorno pò fà sistemà a te e a chillo fràceto ‘e fràteto Peppe.

STEFANO: Creritevéllo vuje!... Chillo (Indica anche lui il piano superiore.) con le sue conoscenze risolverà sempre e solo i suoi problemi!... P’‘a faccia nosta!… Chillo (c.s.) è tale e quale ai politici: pensano solo ai fatti loro e non fanno niente per senza niente!!!... Se ti vedono con il culo... (Occhiataccia dei genitori!)... pardon!.. con il sedere sulla strada, non ti lasciano crepare per terra solo perché tu gli puoi servire... Gli serve il tuo voto!... Altrimenti puoi schiattare!!!… Anzi ti passano con le ruote sulla panza!!! (Accompagnandosi con un suono idoneo, finge di essere travolto e “scamazzato”.)

NANNINA: Nu parlà accussì, che poco fa ha salvato ‘a vita a pàteto!

STEFANO: (Alludendo al padre) Che steva cadenno dâ coppa ô rivàno?

TOTONNO: (c.s.) Me steve abbrustolenno e l’avvocato, sprezzante del pericolo, si è lanciato contro le fiamme...

NANNINA: (Concludendo) ... e ha stutato ‘o fuoco!

STEFANO: (Con ironia) Ah! Mo tenimmo pure l’eroe dint’ â casa. He capito niente?! (Va in cucina.)

NANNINA: Totò, tu l’he ‘a ngiurià nu poco. (Indica Stefano.) Sta addeventanno troppo scustumato.

TOTONNO: Che ce vuó fà! E’ nu guaglione. Va a l’università e ncopp’ ê libre legge che l’uómmene se fanno accìdere pâ giustizia, pâ libertà, pê penziére che téneno ncapa; cumbàtteno contro ‘e tiranne, contro ‘e fetiente, contro l’apprufittatore... E l’avvocato Caccavale, indubbiamente, è n’ ‘apprufittatore!... Nannì, mica è colpa mia si ‘e guagliune l’hanno capito buono!

NANNINA: Sì! Dacce corda pure tu!

TOTONNO: Se hanno ‘a mparà ancora che dint’ â vita he ‘a sapé apprufittà dê prufittatore... Famme fà, Nannì!... Nu poco â vota ‘e cunvinco io che l’avvocato nce serve!

(Entra Peppe, il primogenito, venticinquenne, dalla seconda porta a destra, con in mano la “Voce della Bassa Irpinia”)

PEPPE: Sì, pe nce fà sprucchià n’ato poco!

NANNINA: (Disorientata) Ma chisto è nu cumplotto vero e proprio!... Povero avvocato!

PEPPE: Oi mà, povere a nuje, che ‘o tenimmo sempe pe nnanze ‘e piére.

TOTONNO: Tu nu parlà!... Chillo (Indica anche lui il piano superiore.) è l’ùrdema speranza pe te truvà nu posto comme Dio cumanna!

PEPPE: (Scocciato di sentire sempre la stessa tarantella.) Aaaahà! Ma chesta è pròpeto na fissazione, papà! Quante vote t’aggio ‘a dìcere che io ‘o posto nun ‘o voglio!... A me nu me piace ‘e fà l’impiegato... Nu me piace ‘e fà ‘o schiavo dô rilòrgio ‘a matina, ‘o miezeiuórno e ‘a sera… Nu me piace ‘e tené nu capo che te sta sempe ncuollo. Nooò! A me me piace d’essere libero, ‘e faticà sulo quanno è necessario; ‘e ji’ a caccia o pe funghe; ‘e ji’ fore, in campagna, quanno voglio io; ‘e turnà a casa quanno me fa còmmeto. E’ chiaro? Ah!... Io ‘o posto nun ‘o voglio!... ‘O vulite capì che a me me piace ‘e fà ‘o zappatore!... ‘O contadino zappatore, comme dice Mario Merola! (Comincia a cantare la famosa canzone napoletana “ ‘O zappatore ”.) “... Meglio si t’imparavo zappatore. ‘O zappatore nun s’‘a scorda ‘a mamma! ” (Abbraccia la mamma e le dà un sonorissimo e lungo bacio sulla fronte. Poi si rivolge al padre e, in tono scherzoso, continua a cantare.) “... Si zappo ‘a terra chesto te fa onore... Addenùcchiate e vasame sti mane! ”

(Allunga entrambe le mani al padre, il quale finge di lanciargli una pianella, mentre Peppe si fa scudo del corpo della madre per ripararsi.)

TOTONNO: Sto fetentone!

PEPPE: (Sempre nascosto dietro la madre) E po io addó m’appresento cu na prima media?

TOTONNO: Addó t’appresiente câ primma media?!?... Comme se vede che tu nu conosce ‘o munno, figlio mio!... Viene cà, che te conto na storia vera. ‘A storia ‘e chillo tipo che se pigliaje ‘o meglio posto ô Ministero cu na terza elementare, correnno appriesso a nu piezzo gruósso.

(Nannina si mette la mano destra sulla fronte, sapendo come sono barbose le storie del marito e se ne va in cucina a preparare il caffè.)

PEPPE: Accussì facimmo mezzanotte!... ‘E conoscimmo ‘e storie toje! (Fa un gesto di scocciatura.) Quanno tu accummence, nâ finisce chiù!

TOTONNO: Quanto sì antipatico!!! Pure ‘a vigilia ‘e Natale! Quanno facìte accussì, beh nu saccio che facesse!

PEPPE: (Accarezzando il padre e abbracciandoselo da dietro) E va buono, jà! Accuntentammo a paparino!... Sentimmo sta bella storiella!

TOTONNO: (Categorico, con l’indice puntato contro il figlio e con dire dotto) VA ADDERÈTO, SATANA!!! (Peppe resta sorpreso all’insolita reazione del padre.) Mo nun tâ voglio cuntà chiù!

PEPPE: Io manco ‘a vulevo sentì! (Gli gira le spalle ed esce dalla stessa porta, saltellando e dicendo tra sé ad alta voce) Ce simmo salvate pure ogge!

TOTONNO: (Lanciandogli una pianella) Stu figlio ‘e càntaro !... Primma ‘e crisce e po te sfotteno pure! He capito niente?... E io me faccio ‘a capa fràceta pe penzà comme aggio ‘a fà pe le truvà nu bello pustariello!... (Entra Stefano, si appoggia alla porta della cucina ed ascolta la predica del padre.) Só trent’anne che tengo ‘a tessera dô partito. Nu me perdo nu cumizio. Sempe annanze a tutte a scuccà ‘e mane...

STEFANO: (Con mimica appropriata) Comme a nu fesso!

TOTONNO: (Dà un’occhiataccia al figlio e continua) E mê sento fino a l’ùrdemo, pure quanno me fanno vutà ‘o stòmmaco!... Aggio vutato sempe ‘e nummerielle che me ‘nfilaveno dint’ â sacca dâ giacchetta: “ 1-5-6-7 ” ... “ 1-2-3-4 ” ... “ 1-3-15-18 ” !... E fosse niente tutto chesto!... Ogne anno vaco a putà ‘o giardino dô Sìnnaco, l’uorto dô miéreco , ‘e prune dô Segretario... E senza ‘e me piglià maje na lira, eh!

STEFANO: (Avvicinandosi al padre) E male he fatto, babbo mio! (Accompagna l’espressione con il classico gesto per definirlo “babbeo”!) Il tuo caro miéreco, invece, se piglia cientomila lire â visita e dagli amici settanta... mila... lire... aggiungendo : “Pecché sì tu!”... Ogne sera se mette in saccoccia due o treciento mila lire... (pâ faccia nosta!)... pulite pulite! E non ci paga neanche le tasse!... Tu, invece, fatiche gratis comme a nu cane e io po’ nu tengo maje na lira ncuollo... mentre ‘e figlie ‘e chesta gente ogne sera iètteno ‘e carte ‘e diecemila lire dint’ ô bar ‘e Ziuccio... e tutto ‘o juorno passeno e spasseno cô mezzo pâ chiazza ncoppa a na rota sola. (Imitandoli) Wroom!... Wroom!... Wroom!... Fanno cinquanta gire attuorn’ ô monumento facenno mangià ‘a póvere e ‘o fummo a tutte quante, sott’ô naso dê vigili... cosiddetti... urbani! (Finge di mettere in moto una motocicletta e gira intorno alla tavola.) Wroom!... Wrooooom!... Wrooooooooom!

(Totonno lancia l’altra pianella a Stefano che scappa in cucina per non farsi colpire. Intanto arriva Nannina con due tazze di caffé, senza vassoio.)

NANNINA: Chiano, chiano, che cade ‘o café!

(Dà una tazza al marito, poi va a sedersi. Bevono sorseggiando, mentre Stefano, furtivamente, raccoglie le due pianelle e le lascia cadere ai piedi del padre. Poi prende un libro sul ripiano della credenza e si avvia verso le camere.)

TOTONNO: Ma cu chi l‘he fatte sti duje figlie ‘e ndròcchia , ne Nannì?

STEFANO: (Senza girarsi) Se vede che ‘a semmenta nun era bona! (Scappa.)

TOTONNO: Nun era meglio a crescere duje belle purcielle? Accussì le accidévemo e ce facévemo ‘a nzogna chê supressàte pe vierno!

NANNINA: (Ridendo) Accussì cê mangiàvemo ncopp’ a Gesù e Maria e a Fontana Vecchia !

TOTONNO: (Alzandosi) Io vaco a veré si Fanina ha preparato ‘o presepio e si ha truvato ‘e torce pâ prucessione ‘e stanotte.

NANNINA: Accatta doje tricchetràcche! ‘E creature vonno sparà quanno passa ‘o Bambino pê Vesuni !

TOTONNO: (Con aria soddisfatta) Chelle ‘e tengo già ‘a nu mese... Voglio accattà duje biancale.

NANNINA: (Mentre va in cucina con le tazze) Accatta chille ‘e tutte ‘e culure!

(Totonno si mette il giaccone ed il cappello ed esce.)

(SCENA TERZA)

(Entra Tonino, il figlio piccolo di Totonno, con aria furtiva. Canta a bassa voce: “Mo vene Natale, nu tengo denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà!” Si guarda intorno, poi si avvicina alla credenza. Continua a cantare: “Mo vene Natale, nu tengo denare, me frego duje solde e m’ ‘e vaco a jucà!” Apre gli sportelli e fruga. Trova delle monete in una zuccheriera. Le mette in tasca. Cerca ancora e trova altre monete. Mette anche queste in tasca, contento. Prende una sedia, per continuare la sua ri-cerca sulle mensole più alte. In precario equilibrio fiuta e trova altre monete ancora. Le conta rimanendo in piedi sul sedile della sedia.)

TONINO: Iuhùuuu! (Salta giù dalla sedia; saltella per la stanza, lanciando in aria un paio di monete e afferran¬dole al volo.) Ottomila e cinquecento lire!!! Io lo di¬co sempre: questa credenza è una vera miniera d’oro!... ‘A gente va in Germania, in America, a Milano, a cercà ‘a furtuna. Comme sò fesse! ‘O posto ‘e cercà’ dint’ ê credenze!!!... Meno male che io tengo na mamma scema, che nun s’accorge che io ogne tanto faccio a revista dint’ ê tazze. Come si dice? Le alleggerisco! (Si siede sulla ribalta, incrociando le gambe. Conta ancora una volta i soldi.) Non capisco perchè si dice: “Chi trova un amico trova un tesoro!” (Convinto) Chi cerca dint’ ‘e tazze trova un tesoro!!!... Ehè! Secondo me, chi ha scritto chistu pruverbio sicuramente se faceva prestà sempe ‘e sorde da quacche amico!... Io po só proprio sfurtunato! Tengo n'amico che si tu ‘o gire sottencòppa nun esce na lira manco si ‘o spriemme! Atu che tesoro!!!... (Ridendo) Mo quanno màmmema s’accor¬ge che sono spariti i soldi, sentirete quanta sante vo¬lano pe tutt’ ‘a casa! (Con aria più confidenziale) Quanno s’ingrifa, ‘e llucche arrivano ‘ncielo! Avite mai sentito quanno accìdono ‘o puorco? E’ ‘a stessa co¬sa! (Con molta forza) Aaaaaah! Trèmmano pur’ ‘e vetre! Brrrrrr!... Po me corre appriésso pe tutt’ ‘a casa câ votapesce o câ mazza dâ scopa. Dipende da chella che se trova pê mmane! Io m’annascònno sott’ ‘o lietto e essa nu me riesce ad ac¬chiappà. Uhùuuu! Quanta male parole me dice!!! “Chi¬stu fetente!... Chistu mariuolo!... Chistu scurnacchia¬to!... Stu figlio ‘e chesta e stu figlio ‘e chella!” Comme si po io nu fosse figlio a essa! “Chistu di¬sgraziato!” L’ate nun vê pozzo ripetere! Ce stanno ‘e femmene!… Però è tanto buona!... Me perdona sempe e io le prometto che nun ‘o faccio chiù!... Ma po ‘a tentazione è forte e io vaco n’ata vota all'attacco! Lei cambia posto! Ma io ho il fiuto (Si tocca il naso con il dito.) e li trovo sempre... Chille, ‘e sorde, me chiàmmano, cu na voce fina fina: “ Tonì, Tonì, stam¬mo cà!… Vienici a liberare!” Ed io, da vero gentiluo¬mo, li tolgo dalla prigione dove li ha ingiustamente rinchiusi màmmema! (Si alza e fa un giro intorno alla tavola, saltellando, facendo risuonare le monete nel palmo della mano e cantando: “Mo vene Natale, nu tengo denare, ‘e cerco dint’ ê tazze e campo pur’ io!” (Esce)

 

(SCENA QUARTA)

(Entra Stefano. Ha un libro in mano e la radio sottobraccio, ai piedi un paio di pianelle marroni. Guarda furtivamente se c'è il padre e va a coricarsi sul divano. Accende la radio e si sintonizza su un programma di canzoni rock. Ascolta un po’ di musica ad alto volume, poi incomincia a leggere. Dopo un po’ entra la madre.)

NANNINA: (A bassa voce) Oi Stè!... (Più forte) Stè!... (Gridando) Oooooooh!

STEFANO: (Sobbalza dalla paura e abbassa il volume della ra¬dio.) Oi mà, n‘ata paura ‘e chesta e me vene nu collasso!

NANNINA: Comme sì delicato ‘e core, figlio mio!... (Con tono minaccioso) Dimane, appriess’ ô maio, nun te fà veré da pàteto a braccetto cu chella zoccolella!

STEFANO: (Arrabbiato) Primma cosa chella zoccolella nun è na zoccolella, ma è na brava guagliona!… Seconda cosa tene pure nu nomme! (Si alza, mette la radio sulla ta¬vola e torna a sedersi sul divano.) Si chiama Stella! E io ‘a voglio pure bene!

NANNINA: Ma tu ugualmente ce he ‘a stà nu chilometro luntano, pecché, si te vede pàteto, chillo te taglia ‘a capa ‘a copp’ â noce dô cuollo . Te fa allicurdà Natale!

STEFANO: (Scatta dal divano come una saetta.) Ma io vulesse pròpeto sapé pecché nun ve piace!... Che tene chesta guagliona?!?

NANNINA: (Categorica) Nu nce piace!... Nu nce piace… e ba¬sta!... E’ chiaro? O ce vò na martellata pe tô fà trasì ncapa?

STEFANO: ‘O vi’ , chesto saje dìcere! (Scimmiottando la madre) “Nu nce piace... e basta!... E' chiaro?” Ma dimmi almeno una ragione valida. Una sola! “E’ brutta!... Tene ‘e cosce storte!”...

NANNINA: (Interrompendolo) E chesto ‘o saje tu!

STEFANO: ... “Tene 'a cora longa!... Nu tene ‘e sorde!”... No! Niente ‘e tutto chesto!… “Nu nce piace!”

NANNINA: Si ‘o vuó pròpeto sapé, ‘a nonna era na malafémmena, friscalànema soja , che mo sta 'o munno dâ verità! E 'a mamma era figlia d’ uno 'e passaggio!

STEFANO: Siì! 'O sbinnonno era 'o capo dê brigante! E il suo ricordo ora inquina l'immagine della famiglia!... Oi mà, nuje stamm’ ‘o dujemila !... E 'a gente crere ancora a sti pazzielle?!?

NANNINA: Sti pazzielle, comm’ ‘e chiamme tu, só cose serie! Si po ‘e vulite cagnà vuje 'e regole che só state bone pe nuje!!!

STEFANO: Si tu sapisse quanta guaglione stanno pronte pe sâ piglià, si io 'a lasciasse!...

NANNINA: E a chi aspiette?

STEFANO: ... Ato che 'a mamma e 'a nonna!

NANNINA: E tu falla piglià a uno 'e lloro!... 'A nnammurata a te tâ trovo io... comme fa pe te!

STEFANO: Sì, io 'e sàccio 'e nnammurate toje!... Basta che tèneno 'e puparuole , pure si só corte e chiatte!!!...

NANNINA: Siì... Troppo che è bello 'o mobbile tuojo!... Chella è brutta comme 'a nu culera!

STEFANO: Oi mà' chella nun è brutta comme 'a nu culera!... E’' un tipo!... E po che c'entra 'a bellezza quanno ce sta l'ammore.

NANNINA: C'entra, c'entra, figlio mio... 'A bellezza t’ac¬concia 'a razza ed è sempe nu piacere purtà na bella guagliona accanto.

STEFANO: Si tutte 'a pensassero accussì, 'e racchie allora se ponno vuttà sott’ ‘o treno!... Facimmo comme a Sparta, addò accirevano chille che nascevano scunceche ... Ué! Tu ce pienze? Apri il giornale e leggi: <<Ancora un suidicio sulla linea Napoli-Baiano. Una sedicenne, stanca di essere racchia, si è lanciata sui binari...>>

NANNINA: ... e 'o treno è ghiuto sottencòppa!

STEFANO: Oi mà, 'e racchie nzerrano l'uocchie e se sposano sempe. 'E belle invece tèneno ‘e raglie e rummàneno zitelle!

NANNINA: (Con insistenza) Io vulesse sapé che ce truove dinto ‘a chella guagliona!

STEFANO: Che ce trovo?!?... E' na simpaticona!... Sape stà' mmiezo!... E' accussì doce e gentile!... E po è de core!... Oi mà, io a Stella 'a voglio bene e stanotte appriess' â prucessione m’ ‘a porto sott’ ‘o brac¬cio pe tutt’ ‘o paese. Va buono?!?

NANNINA: E pàteto, si v'incoccia , ve tozza capa e capa!… Va buono?

STEFANO: Oi mà, facìmmece 'e feste ngrazie 'e Dio!

NANNINA: 'E feste... vèneno pe vuje, nun pe nuje!... Io e pàteto tenimm’ ‘o tuòsseco ncuorpo!... E quanno è festa 'o tuòsseco saglie ancora 'e chiù â parte dâ capa!

STEFANO: (Ridendo, per mitigare lo sdegno della madre) Aaaah! Perciò sott’ ‘e feste state sempe ncazzate!... Io inve¬ce tengo ‘o core dint’ ô zucchero!

NANNINA: Tu tiene ‘a capa fresca e ‘a mangiatòra vascia! Però ‘e sacrifice l'avimmo fatto nuje pe ve crescere, pe te mannà 'a scola!... Ce simme private dô me¬glio pe nun ve fà mancà niente. Maje a nu cinema, maje a nu trìato, maje ô mare! (Stefano abbassa la testa, con aria mortificata.) Ê nuttate che avimmo passato scetàte, quanno uno 'e vuje nu steve buono, cô core che zumpava mpietto!... Ore sane mbrac¬cio pe v'accurdà ! Vuje a chiagnere e nuje a tremmà pâ paura. Ê corse add’ ‘o miédeco e â farmacia, cô viento e cu l'acqua!... Tutto perduto! Tutto pe niente!... Ê penziere fràcete...

STEFANO: (Interrompendola) Ma me pozzo maje spusà una cô mazzo tanto (e allarga le braccia per far vedere la mi¬sura) sulo pecché tu te facive 'e penziere fràcete, quanno io ero guaglione?!?... Mà, tu faje buono a me ricordà ‘e sacrifice che tu e papà avìte fatto pe me. Io non li dimenticherò. Nu me scordo maje!… Però il mio futuro me lo devo costruire seguendo i miei sogni, le mie aspetta¬tive...

NANNINA: Già!... Mo nce tocca sulo 'e ve accattà ‘o mezzo, ‘e ve costruì na casa, ‘e caccià ‘e sorde...

STEFANO: Ahà! A proposito dê sorde, me servono cinquanta¬mila lire pe me accattà ‘e tricchetràcche.

NANNINA: Siì, accàttene cientemila lire!

PEPPE: (Entrando in quel momento) Iuste iuste, pecché me servono pure a me, dimane! Poi cê spartimmo tutte ‘e duje!

NANNINA: Avìte fatto 'a pareglia !... Guagliù, ma vuje che ve site miso ncapo ?... Nuje stammo senza sorde!… Nun ancora avimmo vennute 'e nucelle! E chist'anno 'o prezzo è pure muscio... Perciò senza che v'allarga¬te!!!

PEPPE: Uh anema bella, quante chiacchiere pe cientemila lire! Facimmo cunto che avimmo fatto duje sacche 'e nucel¬le 'e meno!!!

NANNINA: Eh già! Chelle già songo assaje... Po 'e jettàmmo pure appriess’ ô Maio! Stammo fresche!... Chist'anno potete pure fare a meno dê tricchetràcche. Guardate a l'ate e facite cunto che avìte sparato pure vuje!

STEFANO: (Sentenzioso) 87! ‘E perucchie!... Meno male che stasera jucammo â tòmmola e ce facimm’ ‘e sorde pê botte! (Rivolto al fratello) Oi Pe', he preparato 'o granurìnio ? L'anno passato nce mancatte.

PEPPE: Mo ce ne sta na sporta chiena!

STEFANO: Oi mà, prepare duje o tre chile 'e strùffole, na busta 'e ficusécche e n'ata ‘e noce ê nucelle nfurnate. Nfurna pure 'e castagne che papà tru¬vatte Ârciano. Oi Pe', po avimm’ ‘a sàgliere d'abbascio â cantina na damiggiàna 'e vino janco, 'o lam¬meccàto !

NANNINA: (Con ironia) Signurì, niente chiù?... Duje roc¬cocò, duje raffiuóle...

PEPPE: Ste', ma amm’ ‘a jucà â tòmmola o ce amm’ ‘a mbriacà stanotte?

STEFANO: Oi Pe', aspettann’ ‘o Bambino, amm’ ‘a passà ‘a se¬rata! Ce amm’ ‘a fà quatte risate, amm’ ‘a jucà â tommola, amm’ ‘a pazzià e ce amm’ ‘a régnere ‘a panza!... E po' dopp’ ‘a prucessione amm’ ‘a aspettà fino ‘e cinche pe ghì ncopp’ Ârciano a fà ‘o Maio.

NANNINA: Guagliù, mo m’avit’ ‘a fà nu piacere.

STEFANO e PEPPE: (Sugli attenti) Qualsiasi cosa per la no¬stra cara mammina!

NANNINA: Iate a fà l’augurie ê zie. Ac¬cussì io arrecetto nu poco 'a casa.

STEFANO e PEPPE: (c.s.) Agli ordini, mammina! Per te qual¬siasi cosa!

NANNINA: Mo piglio 'a scopa e v’ ‘a sono ncapa! Ve faccio sfottere io! (Stefano e Peppe vanno verso le camere.)

STEFANO: Ma tu vede nu poco...

PEPPE: ... vulimmo fà ‘e figlie ubbediénte...

STEFANO: ... e currimm’ ‘o rischio d’ acchiappà ‘e mazzate!

(Nannina fa finta di rincorrerli per picchiarli. I due scappano in camera. Lei va in cucina, torna col borsellino, estrae un biglietto da centomila lire e lo poggia sul tavolo, facendo un gesto di rassegnazione.)

NANNINA: (Ad alta voce) Guagliù, cà stanno ‘e sorde!

(Dalla camera correndo arrivano Stefano e Peppe; si precipitano contro il tavolo, facendolo spostare. Ste¬fano, più lesto, afferra il bigliettone.)

STEFANO: Iuùh! (Lo bacia e si avvia verso la porta.)

(Peppe lo segue con lo sguardo, poi gli si avvicina e lo afferra per la giacca.)

PEPPE: Ohò! Metà è ‘a mia!

STEFANO: Va buono, va! (Fa finta di spezzare il biglietto in due parti.) Ecco qua!

PEPPE: Ooooooh! Che faje? (Lo trattiene. Poi i due ridono, fanno un giro intorno al tavolo, sottobraccio, cantando: <<Mo vene Natale, nu tengo denare, me fumo na pippa e me vaco a cuccà!... Quanno è stanotte, spàrano ‘e botte, me metto ‘o cappotto e vaco a veré!>> (Escono canticchiando ancora e tenendosi sempre sottobraccio.)

NANNINA: Tenete ‘a capa fresca. Beate a vuje!

 

(SCENA QUINTA)

(Dopo due ore. Suona il campanello. Nannina dalla cucina va ad apri¬re. E’ la nipotina Antonella, di 13 anni.)

ANTONELLA: Tanti auguri, nonna. (Si baciano.) Vi ho portato un panettone ed una bottiglia di spumante... Mamma e papà verranno più tardi.

NANNINA: (Mentre cerca il borsellino nella borsetta appesa all’attaccapanni) Antonè, bella dâ nonna, mettile ncopp’â tàvula; doppo ‘e poso io. (Prende un biglietto da diecimila lire.) Questo è per te!

ANTONELLA: (Molto contenta) Grazie! (Piega accuratamente il biglietto e lo mette nel suo borsellino.) Il nonno non c’è?

NANNINA: E’ ghiuto âccattà duje biancale. Mo ‘o vedi ‘e venì.

ANTONELLA: Nonna, Tonino sta di là? (Indica la porta delle camere.)

NANNINA: Chi, Tonino?... No! Sta di qua! (Indica la porta dell’ingresso.) Chillo?... Si vene ‘a morte nun ‘o trova dint’â casa!!!... Antonè, levate ‘o cappotto e viene cu me in cucina. Aiutame nu poco a preparà pe stasera.

ANTONELLA: (Si toglie il cappotto.) Nonna, dove lo metto?

NANNINA: Ncopp’ ô lietto 'e Tonino! (Va in cucina.)

(Antonella va in camera. Dopo un po’ torna e va in cuci¬na. Intanto arriva Totonno, con alcuni biancali avvolti in un giornale. Apre lo sportello sinistro della cre¬denza e li nasconde. Si toglie il giaccone e il berretto e li mette sul divano. Osserva poi i regali sul tavolo, incuriosito, e scrolla le spalle. Prende il giornale e va a sedersi, con le spalle al divano. Lo sfoglia e leg¬ge. Dopo un po’ entra Antonella. Si avvicina lentamente al nonno e lo fa spaventare con un colpo di mano sul tavolo.)

ANTONELLA: Boom!

TOTONNO: Oooooh! (Mette istintivamente la mano destra sul cuore.) Uè, Antonè! M' he fatto piglià na paura!

ANTONELLA: Ah! Ah! Ah!... (Si avvicina al nonno e lo bacia.) Nonno, tanti auguri e buone feste!... Mamma e papà ven-gono più tardi. Io sono venuta ora perchè zio Stefano mi deve aiutare a fare un tema.

TOTONNO: Scurdatìllo pròpeto!... Chillo sta già penzanno â festa 'e stanotte. Dimane mattina va appriess’ ô Maio. Doppo mangiato nun se fa arrivà 'o mangià manco ncanna e esce n'ata vota cu ‘e cumpagne pe ghì a piglià 'e sarcinielle p’ ‘o fucarone! Dopporimàne , po, ce sta 'a prucessione 'e Santo Stefano...

ANTONELLA:(Interrompendolo) E noi subito dopo partiremo per Roccaraso. Perciò lo dovrò fare ora!

TOTONNO: Va buono!... Mo che vene, vedimmo nu poco.

ANTONELLA: (Prende il giaccone e il berretto del nonno.) Nonno, li porto in camera.

(Esce. Totonno continua a leggere. Dopo un po' entrano Tonino e Peppe. Parlano tra loro mentre si tolgono i giacconi e li appendono all'attaccapanni. Guardano il padre e si fanno un cenno d'intesa.)

TONINO: (Fingendo di raccogliere qualcosa sul pavimento) Papà, t'è caduta 'a virgola! (E gliela mette di nuovo sul giornale!)

PEPPE: (Ridacchiando) Tonì, è vecchia sta battuta. Nun fa rìrere chiù a nisciuno! (E gli allunga uno scappellotto.)

(Totonno lo segue con lo sguardo senza fiatare. Peppe va silenziosamente dietro al padre e con l'indice della mano destra gli spinge il berretto sugli occhi, tratte¬nendo a stento una risata. Totonno, munito di tanta pazienza, lo rimette a posto e lo guarda in modo beffar¬do. Entra Nannina.)

NANNINA: Ué! Site juti ô campusanto a purtà 'e sciure ncopp’ ‘a tomba d’ ‘a nonna?

TONINO: Io sono andato ieri!

PEPPE: Io vaco dopporimane... primma che esce Santo Stefano!

TOTONNO: (Serafico) Guagliù, si nu tenite genio, è inutile che ce iàte! Nun è necessario!.. ‘E muorti se hann’ ‘a vulé bene primma 'e murì, quanno só vivi!... E pe tutto l'anno. Da Gennaio a Dicembre. O penzate ca purtanno 'o cuoppo a Natale state câ cuscienza a posto?... ‘E sciure, 'e lumine, 'e mes-se... POI... servono sulo ê vivi pe se fà perdunà dê muorte pe tutt’ ‘e peccate che teneno ncopp’ â cuscienza!... E vuje ricurdàteve na cosa. Io, 'e sciure, nun 'e voglio ô campusanto, quanno vaco all’aldilà. Io vulesse pròpeto essere rispettato pettramènte ca sto nell'aldiqua. O si no nu serve a niente a ve mettere 'a veste nera pe tre 'o quatto settimane e a ve fà veré chê spalle chieiàte e chê mane mpiétto cómme 'e muónece e po' ve scordate 'e me!... E si facìte 'e scieme, quanno me venite a chiàgnere ncopp’ â tomba, io acchiappo ‘a croce e ve corro appriesso fino a mmiez’ â chiazza e vâ sòno nfronte nnanze a tutte quante e ve faccio fà na figura 'e niente! O si nnò v'aspetto all'inferno e là v’ ‘e dongo pe bévere e pe sciacquà cô furchettone dô primmo diàvulo che me capita pe nnanze.

(Entra Stefano infuriato e fa un giro intorno alla tavola senza guardare in faccia a nessuno.)

NANNINA: Stè, ch'è stato?

TONINO: Ce hanno sparato na tricchetràcche dint’ ô cazóne!

STEFANO: Cà ce amm’ ‘a fà ‘a croce câ mano sinistra!

TOTONNO: Ch'è succieso?... Pare che he visto 'o diàvulo!

STEFANO: Peggio!... Peggio!... Ué! 'O lupo cagna ‘o pilo ma nun 'o vizio! (Dà un pugno sul tavolo.) L'ignoranza è na brutta bestia!... Diceva buono 'o nonno! “Mìttete appaura dê gnurante!... Songo 'e chiù periculose!”

NANNINA: (Ansiosa) Ma se pò sapè ch'è succieso?

STEFANO: Chella scema dâ zia Tattella sapite che va dicen¬no in giro?... Che io m'aggio pigliato cientemila lire quanno l'aiutaje a fà 'o trasloco!... Che io nu faccio niente pe senza niente!... Che io só fino fino!... Che corro sempe pecché esce 'a pezza (e indica i soldi con le dita della mano destra.)

PEPPE: (Per burlarlo) Però, oi Ste', tu 'a cientemila lire veramente tâ pigliaste! (Stefano annuisce.)

TONINO: Allora 'a zia Tattella have ragione!

STEFANO: Però nun va dicenno comme iettero 'e fatte!!!... Nun va dicenno che io l'aggio aiutata pe cinche iuórne!... Tutt’ ‘e pomerigge 'o posto 'e sturià o 'e me fà na bella passeggiata pê vie 'e fore ... Cinche iuórne a sagliere e a scen¬nere dâ copp’ ô scaletto... a muntà 'e mobbile, 'e lampadarie pe tutt’ ‘e stanze... pure dint’ ‘o cesso; a muntà 'o citofono, 'o campaniello, 'e quadre... pure l'attaccapanne dint’ ô curreturo ... Nun ‘e va cuntenno ‘e martellate 'ncopp’ ê dete!... Doje vote 'a scossa che putevo pure murì furmenato!... Chesto nun 'o va dicenno!!!

PEPPE: Ma chi te l’ha fatto fà?

TONINO: (Con ironia) 'A cientemila lire!

STEFANO: (Sospirando) Eh già!... 'A cientemila lire!

PEPPE: Faccio buono io che dico sempe che nu saccio fà' niente!... Accussì nisciuno me vene a scuccià!... E campo ngrazie 'e Dio!... (Poi sentenziando) Tu he ‘a sapé che quanto chiù faje pâ gente, peggio è!!! Na pugnalata a trarimiento nisciuno tâ leva... quanno meno t’âspiette. E te pugnala sempe chi chiù he aiutato!... E nisciuno s'allicorda 'e chello che tu he fatto!... Puó fà ciente cose bone, ma pe colpa d’ una sola fatta accussì accussì, pierde tutto chello che he fatto!... 'A gente, quanno sta in obbreco cu tico , va truvanno 'o pilo dint'a l'uovo pe te vutà a faccia!!!

TONINO: (Alludendo al fratello maggiore) He capito niente a zì Peppe!? Mo tenimmo pure 'o filosofo dint’ â casa!!!

STEFANO: (Continuando il suo racconto) L'urdemo juorno, men¬tre appennèvo 'o lampadario dâ cucina, 'a zia me mettette 'a cientemila lire dint’ ‘a sacca dô cazone... Io 'a vuttaje subbeto ncopp’ ‘a tàvula...

TONINO: Quanto sì fesso, fratello mio!... Câ carestìa che ce sta!

STEFANO:... ma essa m’ ‘a mettette n'ata vota dint’ â sacca. Io a vuttàrla ncopp’ ‘a tàvula e essa a metterla dint’ â sacca, n'ato poco...

TONINO: Se stracciava?!?

STEFANO: ...n'ato poco careva 'o lampadario nterra!... Â fine...

TONINO: (Con tono serio) Mi dovetti arrendere!

STEFANO:... â fine 'a cientemila lire rummanette...

TONINO: (c.s.) Dint’ ‘a sacca!!!

STEFANO:... comme ha ditto sto fesso 'e fràtemo!... La do¬vetti prendere per forza!

PEPPE: E he fatto buono!

STEFANO: Ma nun è giusto che mo ‘o va dicenno a tutte 'e zie!

TOTONNO: E te preoccupe pe così poco?... Tanto 'e zie 'a sanno bona comme è fatta!

STEFANO: Ma io stasera, primma che parte 'a prucessione, va¬co 'a casa e ce ‘a sbatto nfaccia 'a ciente¬mila lira!

TONINO: Accussì ce pierde 'a fatica e pure 'e sorde!

PEPPE: No! Nun 'o fà, Stè!... O si nno comme cê accattam¬mo 'e tricchetràcche?... Facìmmece primma 'e feste ngrazie 'e Dio e po te vaje âppiccicà!

STEFANO: Doppo tutto chello che aggio fatto pe es¬sa!... L'aggio servita pe tante anne comme ô prevete all'altare... Ogni vota che ce serveva na cosa, ce stevo sul'io!... Stè, me monte l'armadio? Pronto!... Stè, me aggiuste 'o rubinetto dô lavandino? Pronto!.. Stè, s'è rrotta 'a tapparella dô barcone!! Pronto!... Sempe pronto!... L’ate nipote nun esistevano pròpeto!... E chesta è 'a ricumpensa?!?... L'aggi’ ‘a met-tere doje déte ncanna!!!

TONINO: Sì! Accussì se rompono 'e dete!

NANNINA: Io tô dicevo sempe ch'è na fetente. Tu non m'he voluto maje crérere... Mo che vuó?... 'A prossima vota te impare!

TOTONNO: Stè, zìeta è stata sempe na carogna!... Primma mangia dint’ ô piatto tuojo e po' ce sputa into. E' fatta accussì!... Basta conoscerla...

TONINO: E' come l'A.I.D.S.! Se la conosci non ti uccide!!!

TOTONNO: E' na vocca aperta. Quanno accummencia a parlà. nun 'a finisce chiù!

PEPPE: (Interrompendo il padre) E' comme quanno tu lasce 'a funtana aperta. L'acqua scorre fino a quanno nun se sfratta 'o serbatoio... Glu-glu-glu-glu-glu-glu-glu... Se spanne pe tutt’ ‘a casa, po scenne pâ scalinata abbascio, arriva dinto a l'uórto e arracqua 'e pumma¬role, 'a ‘nzalàta…

TONINO: (Interrompendo il fratello) ... 'a vasenicòla, 'e fenucchie e… 'e citrulle comm'a te! (Scappa.)

TOTONNO: (Continuando) E nu sape che ha da nventà pe se fà crérere...’O ianco ‘o fa niro e ‘o niro ‘o fa ianco!… E' capace 'e dìcere che Dio nun è Dio!...E po parla sempe male dâ famiglia...

TONINO: 'A merda sô leva da sotto 'e piere e sô mette nfaccia!

TOTONNO: Si ve cuntasse tutt’ ‘e schifezze che ha fatto, si putesse scrivere nu rumanzo...

TONINO: (Con ironia) Un best seller!

PEPPE: No, no, papà. Lascia sta!... Facìmmece 'a vigilia 'e Natale ngrazie ‘e Dio!... Aspettann’ ‘o Bambino è meglio a jucà â tómmola!

TOTONNO: 'O Padreterno, quanno ha creato 'a gente, quacche¬duno l'ha fatto buono e quaccheduno l'ha sbagliato a fà. Quanno ha fatto a zìeta, steva penzanno a n'ata cosa...

TONINO: E l'opera d'arte nun è venuta bona!

PEPPE: Non tutte le ciambelle riescono col buco!

TONINO: 'A prossima vota ce vaco io add’ ‘a zia. E si me vó dà 'e sorde, io mê piglio subbeto, quanno mê mette dinto 'a sacca. Mica só fesso comme a te!

STEFANO: (Rincorrendolo minacciosamente) Si t'acchiappo, te rompo l'osse!

TONINO: (Scappando) No, no, nun 'o fà, ià!... O si nno com¬me vaco, dimane, appriesso ô Maio? (Esce)

STEFANO: (Tornando indietro) Io nun aggi’‘a fà chiù niente pe nisciuno!… Manco si me pregheno in ginocchio!… (Tonino rientra camminando sulle ginocchia e con le mani giunte.) Manco si me taglieno ‘e mane!

TONINO: (Sempre in ginocchio, rivolgendosi al pubblico) Allora, sapenno cumm’è, avarraggio nu frate senza ‘e mane.

STEFANO: (Ancora una volta lo rincorre in modo minaccioso) Aaah! Ma allora t’aggi’ ‘a pròpeto accìrere!… T’aggi’ ‘a taglià pròpeto a lengua! (Tonino si rifugia in cucina. Stefano lo insegue. Si sentono urla minacciose di Stefano e implorazioni di Tonino.)

(SCENA SESTA)

NANNINA: Totò, Stefano è troppo buono. Quanno capisce comm'è 'a gente, metterà nu poco 'e sale ncapa... E quanno imparerà che ncopp’ â terra ce stà chiù catti¬veria che bontà...

TOTONNO: Nu farà chiù niente pe nisciuno!

NANNINA: No, chesto no!... Chi nasce quadro nu more tunno! Ha da capì che quanno aiuta quaccheduno, nun s'ha da a¬spettà gratitudine. Anzi, che na bella pugnalata ê spalle nisciuno ce ‘a leva... Si 'o sape primma, po nu resterà male!

TOTONNO: Bella filosofia!... 'A gente chesto aspetta pe ap¬profittà 'e te!

NANNINA: Pròpeto tu parle accussì? Tu che sulo â vecchiaia he cagnato nu poco... Fino a quarant'anne sì stato tale e quale a Stefano... Quante vote io te dicevo: “Totò, lascia perdere. Po te piglie collera!” E tu niente, manco p''a capa! “Totò', chi t''o fa fà? Ni¬sciuno s'allicorda 'e chello che tu faje pe loro!... E quanno chiù faje, chiù sì male vuluto!” Ma tu vu¬live fà pe forza l’altruista, si manco te l’aveva ordi-nato 'o miédeco!

TOTONNO: Che c'entra 'o miédeco?... Io 'o facevo pecché me piaceva primma 'a me!... Comme se dice? Me sentivo rea-lizzato!... E po me piaceva d’ aiutà l’amìce!

NANNINA: E po, ogne vota, t'incazzave e dicìve: “Nannì, chesta è l'ultima vota che faccio na cosa pe l’ate!” Po nu facive passà manco nu mese e accumminciave d''o capo!... T'allicuorde quanno fràteto-cucìno s'ap¬presentaje tomo tomo a casa cu chillo amico suojo? Comme se chiammava?

TOTONNO: Ah! Pasquale.... “Totò, - me dicette - dà n'oc¬chiata a stu presepe che ha pruggettato Pasquale. L'a¬vimm’ ‘a fà dint’â chiesa 'e Sant'Apostoli... Tu sì pratico 'e sti cose... Si nce daje na mano...”

NANNINA: Tu 'o guardaste e sùbbeto t'ammuccaste!... E 'o juorno appriesso già stive cô martiello mmano.

TOTONNO: Io facette ‘o chiù bello presepio dâ vita mia! 'A gente rimanette câ vocca aperta!

NANNINA: E tutte dicètteno “Bravo!” a Pasquale, 'o prugget¬tista.

TOTONNO: L'anno appriesso Pasquale disegnaje nu presepio che nun s'era maje visto a Baiano... Io ce perdett''a ca¬pa pô fà. Nu mese 'e lavoro, tutte 'e sere. Che ca¬polavoro! 'A gente nu crerèva a l'uocchie suoje...

NANNINA: E tutte dicetteno “Bravo!” a Pasquale, 'o prugget¬tista.

TOTONNO: L'anno appriesso Pasquale avette n'ata bella idea...

NANNINA: E tutte dicetteno “Bravo!” a Pasquale, 'o prugget¬tista.

TOTONNO: L'anno appriesso, mentre vunavo 'e nucelle, penzav' ô presepio che s'aveva ‘a fà a Natale dint''a chiesa. Me venette n’ idea favolosa. T'alli¬cuorde?

NANNINA: E comme mâ pozzo scurdà!... 'A capanna dô Bam¬bino dint''a chiesa 'e Gesù e Maria!

TOTONNO: Ce vulette tutta ‘a scienza mia pe costruì 'a collina câ chiesa e cu l’ulive... e Baiano sotto, câ chiazza, 'a ferrovia, 'a vasca mmiez''o mercato cu l'acqua vera ê pisce dinto, cu ‘e pasture che partéveno dê Vesuni e sagliéveno pe ghì a veré 'o Bambino a mezzanotte... Che opera d'arte!

NANNINA: Quanno vedette 'o pruggetto, 'o prevete scette 'a for''e panne!

TOTONNO: E subbeto io me mettette all'opera!... Che soddisfa¬zione!... 'A gente chiagneva quann''o venéva a veré... Sulo a Pasquale nu piacette!!!

NANNINA: S'è sempe detto: 'a gelosia ceca 'a vista! Allora isso pigliaje nu viecchio pruggetto, manco dô suojo, e facette costruì n'ato presepio dint''a chiesa 'e San¬ta Croce! (Rientra Stefano. Va a sedersi sul divano.)

TOTONNO: Che fetente che fuje Pasquale!... Doppo tutto chello che io avevo fatto pe isso, nun s'avev’ ‘a cumpurtà ac¬cussì! E pe jònta ce truvaje tutte 'e rifiette 'e stu munno. Jeva dicenno ch'era na schifezza!... E 'o parrucchiano me l'aveva fatto fà pecché io ero amico dô Sinnaco!!!

NANNINA: E jeva dicenno che tu ire buono a costruì 'e ca¬sette, 'e ponte, 'e pasture... ma 'e pruggette nun erano cose pe te!

TOTONNO: E io ce rimanette assaje male!

NANNINA: Accussì te cuciste chê mane toje e capiste che 'a gente te vò bene sulo quanno tu ce sierve!

STEFANO: Mo l'aggio capito pur' io!… Oi mà, io só fesso!… Io dovevo capirlo che ieva a finì accussì!… (Rivolto al padre) Papà, ‘o saje? Io ê vote penzo che songo proprio sfurtunato!… Aggio nato dint’ ‘a na brutta famiglia, addò ‘e pariente te trattano sulo pecché primma o poi te ponno sfruttà!… E po ce sta sulo ‘a mmìria!… Si faje nu passo annanze, invece d’ esse cuntente, fanno ‘a faccia storta. Comme si tu ce levasse coccosa ‘a dint’ ê sacche !!!… Io invece faccio zumpe ‘e gioia, quanno nu frate-cucìno o nu zio va a migliorà!… Ce sta ‘a zia Rusinella, po, che, quanno tu ‘a ncontre , a ghì a ghì t’avizza l’uocchie nfaccia e te fa na resata furzata che pare na mezza storda!… Pare sempe che ce staje arrubbanno caccosa!… Quanno vèneno ‘e feste, ê vaje a salutà… te ‘nduòsseche ‘e feste!!!

NANNINA: Stè, che t'aggia dicere?

TOTONNO: In fondo a colpa è nu poco pure a mia!…

STEFANO: Papà, e tu che c’entre?

TOTONNO: (Con senso di colpa) C’entro!… C’entro!… Io l’avev’ ‘a penzà che jeva a finì accussì… Quanno tu ire piccerillo, io nun te dovevo fà ji a casa soja. “Nannì, – io dicevo a màmmeta – nun ‘o fà ji’ a Stefano add’ ‘a zia Rusinella!… Chella tene ‘a capa cumm’ ‘a luna. Na vota chiena e na vota vacante!” Ma niente ‘a fà. Màmmeta, pe nun te fà chiagnere, te faceva ji’.

NANNINA: Nuje stévemo 'e casa vicino. 'E fràtete-cucìne venéveno sempe a pazzià tutt'e duje a casa nosta... pure quanno tu nun ce stive... Vuttàveno 'e giocattole pe terra, s'assettàveno ncopp’ â tàvula, zumpàveno 'ncopp’ ô lietto matrimo¬niale e quanno tu teniste 'o murbillo ‘o facètteno pure scassà!

STEFANO: (Interrompendola) Io invece nu putevo tuccà niente addu loro. (Imitando la voce della zia e mimando in modo burlesco le azioni) “Nu tuccà cà!... Nu tuccà là!... Nu sàgliere cà!... Nu sàgliere là!” E chi sô scorda?

NANNINA: (Continuando il racconto) Pecché nu sapeva chello che facéveno 'e figlie â casa nosta!... Ma chella zìeta teneva a capa che ce girava sempe storta, dâ matina â sera, e ce ive pe sotto pure tu!... Tu tuzzeliàve e essa te ne mannava senza manco aprì 'a porta o te babbiava cu nu sacco 'e buscìe, pure in ita¬liano. (Scimmiottandola) “Stanno riposando!” e io 'e sentevo zumpà' dint’ â cammera... “Stanno studiando!” Penza nu poco: 'o mese d' aùsto!...

STEFANO: Eh! M’allicordo… M’allicordo!!!

NANNINA: Na vota te dicette: “Si stanno facendo il bagno!”, mentre chille se stéveno 'nfruscinanno dint' a l'uorto. Pe nu parlà 'e soreta che nun 'a faceva trasì quasi maje, quanno già ce stive tu... e se ne turnava chiagnenno chê lacrime fino a terra “Mammà, pecchè 'a zia nun ce fa trasì?” E io che ve dovevo rispónnere, oi Stè?

STEFANO: Oi mà, io m’allicordo ancora quanno 'e fràteme- cucìne me dicéveno: “Mammà nce ha dato l' ordine 'e nu fà trasì a sóreta!” Io po me stevo zitto e nun te dicevo niente o si nno tu nu me facìve ji manco a me!

TOTONNO: Sapisse quanne vote me veneva voglia e mâ chiammà pe le dìcere nfaccia: “Neh, storda, invece ‘e fa chiàgnere ê criatùre… si nun te fa piacere che véneno â casa toja, pecchè nu parle chiaro e tunno?”

NANNINA: E nuje nun 'e facimmo venì chiù!…Po ce penzavo ncoppa e continuavo a fà finta 'e niente, pe quieto vivere… Chella femmena nu sapive si l’aviv’ ‘a piglià p’ ‘a capa o p’ ‘a cora!… Io nu dicevo niente a pàteto, pe nô fà piglià collera e pe nê fà appiccicà!

TOTONNO: Nannì, ma tu pienze che io nun ‘o sapevo?… Me facìve pròpeto accussì fesso?… Oi Stè, pur’ io pe quiete vivere, facevo ‘o fesso pe nu ghì a guerra! ‘A lasciavo fà… e me steve zitto! Aje da sapè che a lavare ‘o ciuccio cu l’acqua e cô sapone, ce pierde l’acqua e ‘o sapone. (Scrollando le spalle) Che putevo fà?… 'A cumpatevo pe truvà pace!

STEFANO: Però ‘e figlie suoje…

TOTONNO: Però 'e figlie suoje potevano cuntinuà 'a mette¬re sottencòppa a casa nosta...

STEFANO: ... e io e sòrema, invece, avévemo ‘a fà 'e surdate a' casa soja, o si nno... (e fa il classico gesto con le mani per indicare “fuori!”, accompagnandosi con un fischio.)

NANNINA: Stè, tu ire buono buono e cuntinuave a bussà â porta ‘e zìeta…

STEFANO: E zìema me chiureva ‘a porta nfaccia nu juorno sì e nu juorno no!… Mô allicordo comme si fosse mo!…

NANNINA: 'Oi Stè, 'a vita è fatta ‘e ‘mparamiente. Perciò statte accuórto quanno te sciglie 'a mugliera. Vide addò mitte l'uocchie.

TOTONNO: E allicuórdate na cosa: nun avé paura d' 'e femmene brutte, ma 'e chelle storde. Si ne trase una dint' 'a casa, aje finito ‘e campà... t’arruìne pe sempe. E allicuórdate n’ata cosa: guarda sempe 'a famiglia... 'A mamma, 'o pate...

STEFANO: ...'O nonno, 'a nonna... ‘A saccio già sta canzo¬ne!... (Con aria seria) Papà, sei proprio un vecchio conservatore!

TOTONNO: (Annuendo) Sì, songo pròpeto come dice tu!... Si vaje a vedè dint’ ô vascio, vide quante cose vecchie tengo stipate.

STEFANO: Papà, nun aggio capito, però, che vuò dìcere a proposito dâ mamma, dô pate...

NANNINA: (Capendo l’allusione del marito e per evitare scin¬tille proprio la sera della vigilia, cambia discorso.) Stè, io tô vulevo sempe dìcere. “Statte accorto dâ zia Tattella!... Chella, quanno tu ire piccerillo, accussì... accussì... accussì...” Ma po, penzanno che tu risponnive: “Oi mà, che dice?... Vuje nu capite niente!” (Pecché vuje giuvine dicìte sempe accussì!), aggio preferito 'e te fà cócere chê mane toje!

STEFANO: E m' aggio cuotto buono! Me serve pe me mparà!... Però, quann' ero piccerillo, ingenuo comm' ero, io penza¬vo che 'a zia dicesse 'a verità, quanno nu me faceva trasì, anche si io me pigliavo collera lo stesso!

TOTONNO: Ah! Ah! Ah! ‘A verità!… Chi, chella?… ‘A verità??? Ah! Ah!… E tu che ne saje, figlio mio?… Ma si chella, pe se fà crèrere, nun ‘a dice manco ô marito!… E a furia ‘e raccuntà fesserie, chella busciarda m’ha fatto appiccicà tante vote cu fràtemo, cô rischio ‘e ce sparà! Chella 'a verità nu sape manco addó sta 'e casa!

NANNINA: (Dando corda al marito) Tant' anne fa, zìeta s'appiccicaje câ verità... e nun ha fatto pace chiù!

STEFANO: Da grande, però, mi ha trattato sempre bene!

TOTONNO: Pecché le potive servì!... Stè, tu he sapé che zìeta ha fatto sempe accussì! (Si avvicina al figlio, camminando con tutta la sedia senza alzarsi e imita un gatto che vuol graffiare.) Comme a na vatta!… Che fa 'a vatta quanno tene famma?

STEFANO: Te vene a liscià!

TOTONNO: Pròpeto accussì! Te vene a liscià!... (Con il palmo della mano destra accarezza il dorso della mano sinistra.) E appena tu gire ‘e spalle… ‘a vatta che fa?

STEFANO: (Con ingenuità) ‘A vatta che fa?

TOTONNO: (Imitando una gatta) Zac!… Te scippa!

STEFANO: (Con un’espressione di dolore sul viso) Zac!… Te scippa! Quanno po sente n’ata vota famma, chiano chiano... zitto zitto te vene a liscià e te fa fesso...

NANNINA: Pecché uno tene 'o core buono!

TOTONNO: Zìeta Tattella è tale e quale! Quanno le serve caccòsa... aaah! è n’artista, comme ce ne stanno poche. Usa na tattica particolare. Accummencia a te fà 'a corte; po te saluta cu na resatella scema scema e te fa salutà pure dê figlie e dô marìto; si sente 'e passe tuoje va cchiù chiano p’attaccà a parlà e pe te dìcere na cosa o n’ata; vene pure a casa toja cu na scusa 'e niente... E tu sì 'o meglio, puó esse sicuro!... Quanno po ha fatto 'o fatto suojo, nu poco a' vota t’alluntana, t’accummencia a salutà primma fredda fredda… po cu nu piccolo muvimento d' 'a capa... po' se fa trovà sempe 'e spalle, fa finta 'e nun te sèntere e nun se gira manco si tu spare ‘e cannunate. Ma chella 'e recchie 'e tene bone, cómm' 'a vol¬pe!... Ê figlie e ‘o marìto fanno comme 'a essa!... E uno nu sa¬pe chiù si ha da rìrere o ha da chiàgnere!... E pe iónta 'e ruotolo spetta l’occasione pe s’appiccicà fino a quanno po nu le sierve n'ata vota e se vótta sotto cómme sape fà sulo essa!… Allora tu ‘e cumpiatisce pe chille che songo, (calcando la voce) cioè na banda ‘e storde, ê manne a chillu paese!… E po pe duje anne nun te saluta chiù!

NANNINA: E meno male che ncopp' â terra só poche 'e per¬sone cómme a zìeta o si nno ce sarebbe 'a guerra dinto a tutte 'e famiglie!

(Entra Tonino. Si guarda intorno. Cerca di stare lonta¬no da Stefano.)

TOTONNO: E po va pur' â chiesa a domménica a se dà 'e pugne mpietto!

TONINO: (Mima l’azione, colpendosi il petto) Sicuramente fa tremmà a chiesa da dinto 'e fundazione!

NANNINA: Io vulesse proprio sapé che va a dicere ô parruc¬chiano!... Si ce dice 'a verità 'o fa scappà da dinto 'o cunfessionale!

TONINO: Perciò domménica passata verso miezeiuórno io vedette a zì prevete fuì pô corso câ vunnella mmano, si manco 'o curreva appriesso 'o riàvu¬lo chê corne.

TOTONNO: (Prende una pianella in mano) Fa sempe 'o spirituso tu!... (La lancia contro Tonino che nel frattempo si è dato alla fuga.) Voglio veré quanno sô leva 'o vizio! (Dalla porta della camera Tonino fa alcune smorfie e poi scompare.)

STEFANO: (Con amarezza) Però, comme è brutta ‘a vita accussì! E quanno è festa ‘a vita è ancora chiù brutta, pecchè nu può stà nzieme!… Nu può mangià attuórno â stessa tàvula. Vaje a dà l’augurie sempe cu n’angolo ‘o core! Pienze sempe : “Va truvanno mo che succède!”… Mamma mia, la discordia scava in molte famiglie un solco profondo… e il fiume dell’odio vi scivola dentro!… Che brutta famiglia è ‘a mia!… Ce stanno famiglie – invece - addó mamme, pate, nonne, figlie, zie, cugine, pariente stritte e pariente luntane s’addoreno e se vonno bene e stanno sempe nzieme felice e cuntente!!! (Sconfortato, si fa una scrollata di spalle e se ne va in cunina, mentre cala il sipario.)

 

 

 

© 2018 - I testi e le immagini sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Avellino). E' vietata l'utilizzazione senza l'autorizzazione dell'autore.
   
| Sabato, 15. Dicembre 2018 || REPRINTED BY MONTELLA CARMINE |