Atto Terzo

Atto Terzo

PDFStampaE-mail

(SCENA PRIMA)

(Si apre il sipario. Totonno sta seduto sul divano e gioca da solo a carte, poggiandole sul sedile di una sedia. Alla sua sinistra Stefano ed il dr Montuori con le cartelle della tombola poggiate sui sedili delle sedie. Seduti intorno al tavolo ci sono, a partire da sinistra, Peppe, Nannina, Salvatore, Rosetta, l’avv. Caccavale e la moglie Speranza. Tonino e Antonella, invece, sono seduti vicino ad un tavolinetto di plastica, l’uno di fronte al pubblico, l’altra a destra di chi guarda. Giocano a tombola. E’ l’avvocato a guidare il gioco con il cartellone e la “panarèlla” di vimini.)

DR MONTUORI: Io devo cambiare la mille lire per puntare.

SPERANZA: Anche io, altrimenti non posso giocare!

PEPPE: Nun ve preoccupate! Mo piglio ‘o spiccio dint’ â cristalliera. (Apre la cristalliera e controlla nelle tazze.)

TONINO: (Cerca di mimetizzarsi coprendosi il viso con la mano destra e facendosi piccolo piccolo. Verso il pubblico) Mo sentirete ‘e botte ‘e Natale!

PEPPE: (Dopo una inutile ricerca) Mammà, addo stanno ‘e sorde?

TONINO: (c.s.) Addò stéveno ‘e sorde!?!

NANNINA: Stanno dint’ â zuccheriera.

TONINO: (c.s.) Sì, stéveno!… Fino a doje o tre ore fa!

PEPPE: Oi mà, nun ce sta niente! E’ vacante!

NANNINA: (Dà un’occhiataccia a Tonino, il quale con mimica decisa fa capire che lui non sa ninete.) Pè, vire dint’ ê tazze cchiù ncoppa!

PEPPE: (Controlla inutilmente in varie tazze. Sono tutte vuote.) Ccà si nun se mette na bella taglióla dint’ â cristalliera, ‘e sorde nun se troveno maje!… Tutte ‘e tazze só state già passate a rassegna a una a una. (Alla madre, mentre si avvicina lentamente a Tonino, che lo segue con lo sguardo.) Io vulesse sapè quanno ‘o cagne ‘o posto pe nasconnere ‘e sorde! (Mette le mani sulle spalle di Tonino.) Vulite vedè che ‘e sorde da ‘e tazze só passate dint’ ê sacche ‘e chistu bello guaglione? (Batte con la mano destra sulla tasca destra della giacca di Tonino.) Avìte sentito che bellu suono ‘e sorde arrubbate?

TONINO: (Fa la parte dell’offeso.) Oh! Modera i temini! Quali sorde arrubbate? Io nu saccio niente!… (Batte con la mano sulla tasca della giacca.) Chisti songo ‘e sorde che m’aggio accucchiate pe pazzià ‘a tommola. Songo sorde innocente!

PEPPE: ‘O ssaccio, ‘o ssaccio che tu sì innocente!… Però nun fa niente. Tu mo ncê mprieste ‘o stesso duje spicciole pe pazzià ‘a tommola! (Mentre Tonino si divincola e fa resistenza, Peppe gli sottrae un po’ di monete.)

TONINO: (Chiedendo aiuto) Mà, fallo finì!… (Nannina, indifferente, si alza e va in cucina.) Papà, io l’accìdo a Peppe!… (Totonno non lo guarda neppure e non dice una parola.) Ah, nisciuno corre a m’addèfennere?… Allora mi dichiaro prigioniero di guerra!… Mi appello alla convenzione di Ginevra! (E’ tutto inutile. Peppe si allontana con i soldi e comincia a cambiare le banconote di Speranza e del dr Montuori.) Vendetta! Tremenda vendetta!… Mo ve faccio verè che Saddam Hussein nun è nisciuno a cunfrunno a me!

TUTTI: (Fischiando) Iammo chiano, giuvinò!

TONINO: Io mica songo fesso comme a isso che mena ‘e “Scudi” contro ‘o Kuwait sapenno che ‘e “Patrioti” americane sê ‘nghiótteno int’ a nu sulo vuccóne… Io tengo la mia arma segreta… non convenzionale!!!… V’aggio ‘a fà cacà sotto a tutte quante!

NANNINA: (Torna dalla cucina con un barattolo di vetro pieno di monete.) ‘E vi’ canno ! Mo, quanno vulìte, putìte cagnà ‘e sorde!… Avvocà, scutuliàte ‘a tommola e accummenciàmmo a iucà’.

AVVOCATO: Come diceva Garibaldi: “Obbedisco!” (Scuote bene bene la tombola e chiama il primo numero.) 29: ‘O pate d’ ‘e criature!

PEPPE: (Ad alta voce) ‘O tengo!

TONINO: (Maliziosamente) Oi Pè, io tengo quacche dubbio!

SALVATORE: Tonino, non incominciare a fare lo scemo, mi raccomando!… Fai la persona educata!… Anche perché c’è Antonella!

PEPPE: Chi accummència bbuono…

ROSETTA: Oi Pè, non mi dire che vorresti vincere tutto tu anche quest’anno?… Come facesti l’anno scorso!

PEPPE: Se vere che ‘a furtuna me vò bene!

AVVOCATO: (Estrae un altro numero.) 30!

TONINO: ‘E palle d’ ‘o tenente! Ah! Ah! Ah!

SALVATORE: Tonì!?!… E perché ti ho chiesto di usare un linguaggio … “pulito”!

TONINO: Salvatò, ma chillo, ‘o tenente, ‘e palle sâ sciacquate!

TOTONNO: (Senza scomporsi, si estrae una pianella e la lancia contro il figlio.) Stu figlio ‘e càntaro!

ANTONELLA: (Spaventata) Nonno, per poco non mi hai colpito!

TONINO: (Raccoglie la pianella, la porta al padre e gliela mette al piede.) Papà, nun ‘o sapevo che tu ire nu càntaro! Ah! Ah! Ah!

TOTONNO: (c. s.) Stu càntaro!!!

ROSETTA: E’ iniziata la sinfonia!!!

AVVOCATO: (Scuote la tombola.) 15!… 17!

PEPPE: (Strillando) Ambo!… (E si avventa come un bimbo sui soldi.)

ROSETTA: Lo sapevo!… Era meglio che io fossi stata zitta!

DR MONTUORI: Poi dicono che il “17” porti sfortuna!

TONINO: Duttò, è overo!… ‘O “17” porta scalògna… però sulo a chi nun fa “ambo”!!!

DR MONTUORI: E bravo il nostro filosofo!

AVVOCATO: (Scuote la tombola ed estrae altri numeri.) 19: ‘A resàta!… 37: ‘O monaco!… 41: ‘O curtiello!… 40: l’ernia!…

TONINO: Avvocà, ma quale <<ernia>>? Se dice… (Totonno si toglie l’altra pianella e, prima che egli parli, la lancia contro il figlio, che si ripara il viso con tutte e due le mani e poi con toni gentili) <<‘a papòscia>>!

TOTONNO: Stu scurnacchiato!

TONINO: (Raccoglie le due pianelle e quatto quatto le porta al padre e gliele infila ai piedi.) Perdòno, paparino!… Perdòno! Nun ‘o faccio chiù! (E fa retromarcia quatto quatto come s’era avvicinato!)

AVVOCATO: 83: ‘O maletiempo!

ANTONELLA: (Pronunciando male il dialetto) Nonno, cosa significa <<’o maletiempo>>?

TOTONNO: Che è <<maletiempo>>!

STEFANO: Antonè, bella d’ ‘o zio. Significa che è brutto tempo!

DR MONTUORI: Antonè, bella d’ ‘o zio. E’ brutto tempo per voi!… Per me è bel tempo... Ho fatto terno!!! Finalmente vinco anche io!… Una volta tanto! (Prende i soldi della vincita.)

AVVOCATO: Speriamo che Signora Fortuna si tolga la benda e guardi un po’ anche dalla mia parte!… (Estrae un numero.) 16!

PEPPE: <<’O culo>>!

SALVATORE: Avvocà, è meglio che Signora Fortuna si rimetta la benda!

TONINO: (Maliziosamente) Ha ghiuto a cecà proprio ‘o capo posto! (Si tappa il naso con il pollice e l’indice della mano sinistra, per non sentire un eventuale cattivo odore.)

AVVOCATO: Non vi preoccupate, perché Donna Fortuna sa sempre cosa riservare a chi le vuole bene!… 27!

TONINO: ‘O càntaro!!!

TUTTI: (In modo sguaiato) Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!

AVVOCATO: (Un po’ indignato) 71!

TONINO: (Deciso) L’ommo ‘e merda!

TUTTI: (In modo più sguaiato) Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!

AVVOCATO: (Ancora più indignato) 23!

TONINO: ‘O scemo!

TUTTI: (c.s.) Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!

AVVOCATO: (c.s.) 62!

PEPPE: ‘O muorto acciso!

DR MONTUORI: Avvocato, mi dovete spiegare quale magia state usando per pescare tutti questi bei numeri!

AVVOCATO: 4 !

PEPPE: ‘O puorco!

AVVOCATO: (Velocemente, prima che qualcuno parli.) 22!

DR MONTUORI: ‘O pazzo! Ah! Ah! Ah!… Un mago voi siete, proprio il mago dei numeri!

TUTTI: Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!…

AVVOCATO: (c.s.) 57!

TONINO: ‘O scartellato!

TUTTI: (c.s.) Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!

ANTONELLA: (Tutta eccitata) Quaterna!... Nonna, ho fatto quaterna! (Si alza e fa due giri intorno al suo tavolo con le braccia aperte come un aereoplanino.) Iuhùuuuu! (Poi va a prendere i soldi della puntata.)

NANNINA: Antonè, he visto?… <<’O scartellato>> t’ha purtato furtuna!

ANTONELLA: ‘O scarte…chè?… Nonno, cos’è?

TOTONNO: (Serafico) ‘O scartellato!

TONINO: Antonè, <<’o scartellato>> è uno che tene ‘o scartiéllo… Tene ‘a gobba comm’ô dromedario… <<’O scartellato>> porta fortuna!

AVVOCATO: A chi?… A me proprio no!… Non capisco proprio cosa le ho fatto alla Signora Fortuna, che stasera pare veramente che mi vuole prendere in giro!

TONINO: Avvocà, ‘a furtuna a te nun te vò bene?

SPERANZA: (Con aria dolce) Meno male che tene a me che ‘o voglio tanto bene! Io songo la sua Signora Fortuna! (Si alza, si avvicina al marito e gli dà un lungo e sonoro bacio sulla fronte.)

TUTTI: (Battendo le mani) Spe-ran-za!… Spe-ran-za!… Spe-ran-za!…

AVVOCATO: Modestamente... io ho saputo scegliere la mia Fortuna! (E le dà anche lui un sonoro bacio sulla fronte.)

PEPPE: (Accompagnandosi con un lungo fischio) Fiùuuuu! L’avvocato ha saputo addò mettere ‘e mmane pecchè… Donna Speranza è proprio na bella figliola!

TUTTI: (Battendo le mani) Spe-ran-za!… Spe-ran-za!… Spe-ran-za!…

STEFANO: Avvocà, sbattete nu poco ‘a tommola e chiammateme nu bello nummero!

AVVOCATO: (Scuote la tombola.) 78!

TOTONNO: ‘A bella figliola!

TUTTI: Comm’a signora Speranza!

AVVOCATO: Quando si dice il destino!

TUTTI: (Battendo le mani) Spe-ran-za!… Spe-ran-za!… Spe-ran-za!…

AVVOCATO: 43!

TOTONNO: ‘A femmena fora ô barcone!

TUTTI: E che fa ‘a femmena fora ô barcone?

AVVOCATO: Sistema i vasi di fiori… Mette i panni ad asciugare… Caccia fuori… (Intanto estrae un altro numero) 28!

TONINO: ‘E zizze!

TUTTI: (Battendo le mani) Spe-ran-za!… Spe-ran-za!… Spe-ran-za!…

AVVOCATO: Come? Speranza, la mia Signora, caccia fuori…

TONINO: (Tutto eccitato e mettendo entrambe le mani sotto ipotetiche “zizze”.) Sì, sì. ‘E zizze!

NANNINA: Stu spuorco… zuzzuso… fetente!… Uè! ‘E ssape tutt’isso, ‘e ssape!

ROSETTA: Tonino, non essere volgare! Si dice “seno”!

TONINO: (Sempre più eccitato) Rosè, ma tu qua’ “seno” e “seno”?… Chelle songo pròpeto doje “zizze”!!!

TOTONNO: (Si estrae la pianella e ancora una volta gliela lancia.) Io vulesse pròpeto sapè chi t’ha mparato tutte sti cose?!

ROSETTA: (Con molto sarcasmo) E’ andato alla scuola del padre!

TOTONNO: (Scimmiottando la voce della figlia) E’ andato alla scuola del padre!… Rosè, allora che vuò dìcere?… Che io songo nu scustumato?

ROSETTA: No, papà. Non mi sono espressa bene!… Volevo dire che Tonino… è spiritoso come te!… Tenete sempre la battuta pronta… per mantenere allegra la compagnia!

TOTONNO: Ah! Me penzavo!

TONINO: (Rivolto al pubblico) Chiano chiano Rosetta l’ha fatto fesso!… O si nno ccà éreno mazzate!

AVVOCATO: Fino a prova contraria la mia Signora sul balcone non caccia il seno fuori!… E’ vero, amoruccio del tuo teroso?

TUTTI: (Fischi ad effetto) Fiùuuu!… Fiùuuu!

AVVOCATO: (Scuote la tombola ed estrae un altro numero.) 21!

STEFANO: ‘A femmena annura! Ah! Ah! Ah!…

TONINO: Avvocà, ‘a signora vosta nun esce ncoppo ô barcone sulo ch’ê “zie” ‘a fora!… Esce tutta annura!

TUTTI: Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!…

SPERANZA: Tonino, hai deciso proprio di dare spettacolo stasera?… E bravo il nostro monellaccio!

TONINO: (Imitando la voce di Speranza) E bravo il nostro monellaccio!

STEFANO: Signora Speranza, fateci un fischio quando uscite sul balcone “tutta annura”!… Per la gioia dei nostri occhi!!!

SPERANZA: Va bene!… Ve lo farò sapere!

AVVOCATO: Però dovete pagare il biglietto!

STEFANO: Affare fatto!

TONINO: Io nu pago niente, pecché songo piccerillo!

STEFANO: No, Tonì, tu ‘o spettacolo nun ‘o viene a verè, pecché “è vietato ai minori di 18 anni”!

TUTTI: Ah! Ah! Ah!… Ah! Ah! Ah!…

SALVATORE: (Rivolto alla suocera) Mammà, come siete silenziosa!

NANNINA: ‘E vvote una se addecrìa chiù a sèntere che a parlà!…

SALVATORE: Mammà, però vi vedo assente… fuori dal gioco!

TONINO: Sì, l’albitro ha cacciato ‘o cartellino rosso!

NANNINA: E’ ovèro, Salvatò!… Sto penzanno â prucessione ‘e stanotte!… E’ ‘a primma vota che ‘a gente appiccia ‘e fiaccole appriess’ ô Bambino!

SPERANZA: Sarà uno spettacolo meraviglioso!… Ciccì, tu mi accompagni?

AVVOCATO: Eccome no, tesoruccio mio!… Posso mai mandarti da sola? E poi lo sai che a me piacciono queste feste che solo voi baianesi sapete organizzare con tanta passione!

SALVATORE: Avvocà, se è per questo non vi dovete preoccupare. Sta in buone mani!… Farà compagnia a Rosetta e a donna Nannina.

STEFANO: Stanotte sarà na prucessione che Dio se n’è scurdato! Amm’ ‘a sparà carabine e tricchetracche che amm’ ‘a fà cadè ‘e Vesuni, San Giacomo e Sant’Apostoli .

PEPPE: Io aggio accattato cinche chile ‘e pòvere . Aggio ‘a fà fà rossa ‘a canna d’ ‘a carabina!… E po l’aggi’ ‘a fà girà dint’ê mmane comme ‘o sapeva fà sulo Peppe ‘e Santolone .

DR MONTUORI: Peppe, chi è questo “Peppe ‘e Santolone”?

PEPPE: Chi è Peppe ‘e Santolone?… Un’artista, Nicò!… Un artista!… ‘A carabina nelle sue mani cantava!… Era nu spettacolo a vederlo. Lui nu sparava… Disegnava n’opera d’arte!… Non per niente porta il mio nome!

TOTONNO: Peppe ave ragione… Mo è viecchio e nu spara chiù!… Isso, Salvatore ‘o Ruoio, Ntonio ‘o muzzone, Gennarino ‘e Camillo sò stati ll’ùrdeme d’ ‘a vecchia razzìmma a fà cantà ‘a carabina quanno nisciuno sparava cchiù e se steva perdenno ‘a tradizione.

NANNINA: Peppe ‘e Santolone e tutte chill’ate nun se só mai fatto male dint’ ‘a tante anne ‘e feste!… Me raccumanno! Stateve accorte vujate ! Nu nce facìte allicurdà ‘o Natale!

(Peppe e Stefano fanno scongiuri platealmente.)

AVVOCATO: (Scuote forte e a lungo la tombola per attirare di nuovo l’attenzione sul gioco. Estrae altri numeri) Si va per la quintina!… 75!… 9!… 79!

TONINO: ‘O mariuolo!

ANTONELLA: Cosa significa <<’o mariuolo>>?

TONINO: Chillo che fa cinche e tre otto !… Chillo che arrobba ê ricche e…

TUTTI: E dà ê povere!

TONINO: Ma quali povere e povere! ‘O mariuolo arrobba ê ricche e… se mette tutte ‘e sorde dint’ ‘e sacche soje! E mica è fesso comme a vuje che ‘e date ê puverielle!

ANTONELLA: Mamma, non ho capito niente!

ROSETTA: ‘O mariuolo è il ladro! (Antonella annuisce.)

TONINO: Cioè l’avvocato…

AVVOCATO: Tonino, ed ora stai proprio esagerando!

TONINO: E vuje nu me facìte finì ‘e parlà!… Io steve dicenno che nu mariuolo è comme a n’avvocato, scartenno ‘a faccia ‘e quacchedùno: quanno se mette sotto nu cliente, tanto ‘o molla quanno ce ha arrubbato tutte ‘e sorde!… “N’avvocato!”… Mica “l’avvocato”… vuje!!!… Scusàteme tanto!

AVVOCATO: Scuse accettate! Ti sei salvato in calcio d’angolo… Però è sempre un’offesa alla mia categoria. (Estrae un altro numero.) 87!

STEFANO: ‘E pirucchie! Antonè, i pidocchi!

AVVOCATO: (Estrae) 90: la paura… 1: l’Italia… 75: Tonino!

TONINO: Comme sarebbe a dì “75: Tonino”?

AVVOCATO: (Ripete) 75: Pullecenella… comme a Tonino!

TONINO: Vendetta!… Tremenda vendetta!

AVVOCATO: (Scuote la tombola.) 42: ‘O cafè… 50: ‘O pane… 10…

PEPPE: ‘E fasùle!

TONINO: (Coglie a volo la combinazione per la vendetta.) Chilli che ‘o iuorno se mangia l’avvocato e po ‘a notte…

TOTONNO: (Intuendo l’allusione, cerca di interrompere il figlio.) Tonì, statte zitto o si nno…

TONINO: (Finge di non sentire la preghiera del padre.) … ‘a notte fa: booom! Fa tremmà tutt’ ‘o palazzo!… Manco na carabina renchiuta ‘e póvere fino a ncoppa! (Correndo per la stanza e fingendo di scorreggiare) Booom!… Booom!… Booom!… (Poi si avvicina al suo tavolino ed estrae da una busta di plastica una bomba di carta molto grande. Nessuno sa che è senza polvere da sparo. La porta al centro della scena e prova ad accendere la miccia.)

TONINO: (Si scotta le dita.) Ahi! ‘A puteva fà meglio ‘a miccia chillo scemo d’ ‘o fuchista! (Prende un secondo fiammifero e riesce ad accende la miccia.)

TUTTI: (Spaventati si alzano e si allontanano dal tavolo.) Ohòooo!… (Solo Totonno resta impassibile, conoscendo bene il figlio.)

PEPPE: Ma tu sì pazzo!… E che vuò fà zumpà ‘a casa?

TONINO: (Ridendo) Niente paura!… Pò zumpà sulo ‘a tàvula cu tutte ‘e cartelle! (Poi finge di scappare. Si ferma vicino alla porta della cucina, si mette le mani sulle orecchie e stringe i denti nell’attesa dello scoppio.)

TOTONNO: State calmi! State calmi! Chella è na bomba finta! Chillo ‘o ninnillo fa sempe accussì!

SPERANZA: Il ninnillo fa sempre accussì. Per poco non mi veniva un collasso!

AVVOCATO: (Corre dalla moglie per rincuorarla.) Tesoruccio mio, hai avuto veramente paura?

SPERANZA: Ciccì, tanto tanto!… Ora mi è passata la paura!

(Torna la calma tra mille imprecazioni. Tutti tornano a sedersi intorno al tavolo.)

STEFANO: Papà, quacche iuórno ‘e chisto io ce rompo ll’osse a stu figlio ‘e…

TOTONNO: (Interrompendolo in tempo) ‘E chi?… Stu figlio ‘e chi?… Mo te votto sta pantofola nfronte!

STEFANO: Stu figlio… (Indica Tonino. Poi si avvicina al padre e, per addolcire la pillola, lo accarezza.) … ‘e nu pate roba bbona… che è stato capace ‘e fa nu tipo comme a me. Po ha iettato ‘o stampo e ha fatto nu coso comme a chillo (Indica Tonino). Io, però, ‘o vatto si nun ‘a finisce ‘e fà ‘o scemo!

TONINO: E io, ‘a prossima vota, ‘o posto e usà ‘a bomba finta me n’accatto una vera, chiù grossa ancora, e l‘appìccio sotto ‘a seggia toja!… Boooom!

STEFANO: Papà, ‘o vide? Chillo cuntinua a te sfidà!…Chillo te tira ‘e mazzate ‘a dint’ ê mane!

TOTONNO: Lascialo stà, che è piccerillo!

STEFANO: Oooooh! ‘O staje dicenno ‘a na vita che è piccerillo!… Chillo tene trìrece anne!

TOTONNO: Oi Stè, ma sempe chiù piccerillo ‘e te isso è!

STEFANO: Si arraggiùne accussì, pure fra vint’anne resta chiù piccirillo ‘e me… e allora io l’aggi’ ‘a suppurtà sempe!… Ma io chiuttosto ce taglio ‘a capa ‘a copp’ â noce d’ ‘o cuollo!

TOTONNO: (Spazientito) Uè! Cuntinuate a iucà, che è meglio!

(L’avvocato scuote la tombola ed estrae un altro numero.)

STEFANO: (A Tonino) Stu scustumato! Te facesse na faccia ‘e schiaffe!… Te mannasse pròpeto…

AVVOCATO: 73: ‘o spitale!

STEFANO: E’!… Pròpeto ‘o spitale te mannasse!

TONINO: (Fingendo un pianto sincero) Mamma mia, nun se po’ pazzià nu poco dint’ ‘a sta casa! Ih! Ih! Ih! Ih!

AVVOCATO: 62!

DR MONTUORI: ‘O muorto acciso!

STEFANO: (Scattando all’impiedi e gridando forte) Quintina! (Prende i soldi della vincita, li conta fischiettando e li mette in tasca. Poi traduce per la nipotina) Antonè, il morto ucciso! (Antonella fa gesti per far capire che sono espressioni difficili per lei.) Mo si va per la tombola!… Avvocà, a voi la giocata!

AVVOCATO: 2: ‘a figliòla!

SALVATORE: Vediamo quanti anni ha?

AVVOCATO: 99!

PEPPE: Avvocà, 99 non esiste!… ‘A figliòla v’ha fatto mbriacà?

AVVOCATO: Ho scherzato! Naturalmente era 66!

PEPPE: Avvocà, è proprio bona pe vuje!

AVVOCATO: Ma è troppo vecchia per me!

TONINO: Modestamente ‘e piccerelle ce pigliammo nuje! (Indica se stesso. Tutti fischiano per burlare Tonino.) Allora ‘a dammo a Peppe.

PEPPE: (Risentito) Uè! Iammo chiano!… Pe chi me avite preso? A me piacciono ‘e pollanchelle tenere tenere!

AVVOCATO: Oi Pè, gallina vecchia fa buon brodo!

PEPPE: Avvocà, e mangiatevella vuje ‘a gallina vecchia!… A me lasciateme ‘e pollanchelle tenere tenere!

AVVOCATO: (Estrae un altro numero.) 13!

TUTTI: Sant’Antonio!

AVVOCATO: (Estrae altri numeri.) 54: ‘o cappiello… 33: ll’anne ‘e Cristo… 25!

TUTTI: Natale!

STEFANO: Uè! A proposito di Natale, dimanammatina chi vene Ârciano a piglià ‘o Majo cu nuje? (Nessuno risponde.)

PEPPE: Io porto l’avvocato!

TOTONNO: Io porto Salvatore!

TONINO: Io porto Antonella!

AVVOCATO: No, no! Io voglio dormire fino alle dieci. Il Majo lo aspetto quando arriva verso le undici sulla Nazionale!

TOTONNO: Avvocà, nu nce ‘a facìte sta mala creanza. Aìte ‘a venì cu nuje. Ce purtammo duje metre ‘e sasicce e doje o tre butteglie ‘e vino ‘e Solopaca.

PEPPE: E io ve faccio sparà pure a carabina!

DR MONTUORI: Avvocato, se non venite alle cinque del mattino in chiesa e poi sul monte Arciano, perderete una parte emozionante della festa. E poi quell’aria frizzante del bosco che vi taglia il viso la ricorderete per un bel po’ di giorni!

SALVATORE: Mammà, allora andremo tutti quanti sul monte Arciano a tagliare il Majo.

ROSETTA: (Tutta euforica) Allora facciamo così. Dopo si va tutti alla processione di mezzanotte. Dopo la messa torneremo qua e passeremo la notte a giocare a carte. Poi alle cinque gli uomini andranno di nuovo in chiesa per la messa del Majo e poi partiranno con gli altri per il bosco Arciano!

AVVOCATO: (Imbarazzato) E va bene. Se questo è il programma, una volta tanto parteciperò a tutta la festa!

DR MONTUORI: Avvocà, l’anno prossimo – se Dio vorrà – ci faremo tutta la novena di Santo Stefano. E’ un impegno! Dal tredici dicembre tutte le mattine in chiesa alle cinque…

TONINO: E po tutte quanta a fà ‘o giro p’ ‘o paese chê tammorre e ‘a fisarmonica e facimmo scetà a tutte quante!

AVVOCATO: Mi avete convinto! E’ un impegno anche per l’anno prossimo! (Scuote forte la tombola.) 38: ‘e mazzate!

TONINO: A chi nu vene appriesso â prucessione!

AVVOCATO: 46: ‘e denare!

PEPPE: Chilli che me piglio io, mo che faccio ‘a tommola!

AVVOCATO: 52: ‘a mamma!

PEPPE: (Canta alla Mario Merola.) “Meglio si t’imparavo zappatore. ‘O zappatore nun s’‘a scorda ‘a mamma! ” (Abbraccia la mamma e le dà un sonorissimo e lungo bacio sulla fronte.)

TUTTI: (Applaudendo) Pe-ppe!… Pe-ppe!… Pe-ppe!… Evviva la mamma !…

AVVOCATO: Evviva la nostra Nannina!… 56: l’albero di Natale.

TUTTI: (Ad alta voce) ‘O Majo!… ‘O Majo ‘e Santo Stefano!… Evviva ‘o Majo di Santo Stefano!

PEPPE: Chist’anno ‘o Majo è ‘o chiù gruosso Majo ‘e tutte ‘e tiempe!

TOTONNO: Sì! Dìceno ogn’anno accussì!… Vuje avite ‘a sapè… (Si alza dal divano, prende la sedia che aveva davanti e si avvicina al centro del tavolo.)

STEFANO: (Si avvicina al padre. Gli poggia le mani sulle spalle e cerca di riportarlo vicino al divano.) Alt!… Dietro front!… Si pàtemo accummencia, ce putimmo scurdà a prucessione!

DR MONTUORI: Stefano, no! Lascialo parlare!… E’ la vigilia di Natale!

STEFANO: E va bene, ià! Permesso accurdato! Facìtece sentì! Ma sulo pecchè è ‘a vigilia ‘e Natale!… Po avisse ‘a piglià ‘o vizio?… (Rivolto all’avvocato) Avvocà, nu poco ‘e pazienza!… Doppo chiammate ‘e nummere amprèssa amprèssa chè sta p’ ascì ‘a prucessione!

TOTONNO: (Gli fanno spazio e si siede al centro del tavolo. Una volta tanto tutti ad ascoltarlo. Con grande soddisfazione.) Ahaaa!… (Un colpo di tosse) Io steve dicenno che : vuje avite ‘a sapè che ‘e Maj ‘e na vota èreno Maj! Belle!… Àute!… Cu nu fusto accussì! (Allarga le braccia per indicare un tronco dalla circonferenza grande.) Na cimma ‘e fine ‘e munno che Dio se n’è scurdato!… ‘O tagliavano chê accètte primma che ascéva ‘o sole… Angelantonio, ‘o frate Stefano, Nunziello… Vrànghete… vrùnghete… vrànghete… vrùnghete… comme facéveno ‘e nonne nuoste.

PEPPE: (Interrompendo il racconto del padre) Papà, mo facimmo sùbbeto sùbbeto. Wrooom! Nu colpo ‘e motosega e cade luongo luongo nterra comme a quanno se taglia ‘a capa ô pullàsto!

SALVATORE: Così, però, oi Pè, non c’è più poesia!!! La modernità rompe l’atmosfera della tradizione. E la festa si mantiene viva e bella proprio grazie alla tradizione!

TONINO: (Burlandolo a bassa voce) Uhùuuu! Ccà tenimmo pure ‘o poeta!

TOTONNO: (Continuando) … Da ncoppa Ârciano se purtava ncoppa ô carruocciolo tirato ‘a decine e decine ‘e giuvene… Po abbascio ‘o aizàveno ncoppa ô traìno c’ ‘a forza d’ ‘e bracce e ‘o facéveno tirà fino a Baiano ‘a uno o duje cavalle tutte chine ‘e fiocche cumannàte ‘a Paoluccio ‘o bidello, da ‘o Ricciotto, Santone… Fanuccio, ‘o figlio ‘e Nicola ‘e Miano, pareva che ce parlava chê cavalle. Bastava na mossa chê redine da ncoppa ô traìno ê cavalle ubbedéveno sapenno già che avéveno ‘a fa! Po nun hanno truvato cchiù cavalle bbuone e Fanuccio ‘e Miano ha accummenciato a purtà ‘o Majo cô camioncino e a ‘o caricà câ gru!… Però è brutto accussì!

DR MONTUORI: Totonno, e diteci. Chi saliva sul Majo per lanciare i tracchi durante il corteo fino alla chiesa di Santo Stefano?

TOTONNO: Peppe ‘e Luciano. Fino a quanno teneva xxx anne!

PEPPE: Mo, invece, ce saglie ‘o figlio Luciano.

TOTONNO: (Oramai padrone della situazione) Doppo che ‘o prevete aveva benediciuto ‘o Majo abbascio ô corso, quaccheduno alluccàva “Evviva il Majo di Santo Stefano!” E allora s’aizàva nu coro generale “Evviva il Majo di Santo Stefano!… Evviva il Majo di Santo Stefano!” E po tutti a cantà <<’Oi Stefanì>>.

STEFANO: (Senza dare tempo al padre, comincia a intonare la canzone “Oi Stefanì”.)

<< Da luntano sò turnato, pe dà pace a chesta vita,

a sta terra calamita che m'attira comme a che.>>

(Si accoda anche Peppe.)

Cu na fede dint''o core sò venuto a stu Natale

ch'è rimasto tale e quale comme a tanto tiempo fa!>>

TUTTI: (Continuando)

<<Sarrà accussì, oi Stefanì, e ntringhete damme nu vaso;

eh sì, nu vaso e n'ato vaso, a pizzechìllo, oi Stefanì.

Fatto apposta è stu Natale, tutto gioie e sentimente,

che si gire 'o cuntinento, nun 'o truove comme a ccà.

Stu Natale è festa nosta che te scete pure 'e sante,

mette 'a freve a tutte quante dint' 'e vene pe' cantà.

 

E canta sì, oi Stefanì, e ntringhete damme nu vaso,

eh sì, nu vaso e n'ato vaso, a pizzechìllo, oi Stefanì.

 

Sott''o braccio a core a core, mbriacate 'e sta passione

ce ne iammo ô fucarone chesta sera, oi Stefanì.

E là nnanze a chillu fuoco io te giuro tutt''o bene,

tutt''a mmore che me vene da stu core mio pe te.

 

E viene sì, oi Stefanì, e ntringhete damme nu vaso

eh sì, nu vaso e n'ato vaso, a pizzechìllo, oi Stefanì.>>

 

(Applausi e urla di circostanza)

 

TOTONNO: Bravi! Accussì me piacete!

AVVOCATO: Totonno, vi voglio bene! Continuate!

TOTONNO: (Ormai estasiato) Quanno s’aizàva ‘o Majo nnanze â chiesa cu tre fune dê fravecatóre, ‘a gente se vuttava sotto p’aiutà che spalle e chê mmane, ê Baianese chiagnèveno chê lacreme a ll’uocchie!… E quanno Francisco d’ ‘o Prieno – viecchio comm’era - sciuglièva e fune e allargava e bracce pe salutà ‘e centinaie ‘e persone che stéveno abbascio câ capa aizata p’ ‘o guardà, ‘e mmane se facéveno rosse a furia de scuccà!… Eheee! Ate tiempe!… Ate tiempe! (Di nuovo applausi e urla di circostanza)

TONINO: (Si avvicina al padre) Papà, mo smamma! (Accompagna le parole con vistose gesta delle mani.) Torna ô posto tuoio, là… ‘o vvire? Ncoppo ô divano!… Va, smamma! (E prova a spingerlo di spalle.)

TOTONNO: (Alza la mano destra e minaccia scherzosamente uno schiaffone.) Mo pure ‘e pùlece tèneno ‘a tosse!… Me ne vaco!… Me ne vaco! Aggio capìto ‘o messaggio! (Prende la sedia per tornare sul divano. Lungo il percorso si rivolge all’avvocato.) Avvocà, putìte accummencià!… Chiammate nu bello nummero!

AVVOCATO: Totonno, la tombola può aspettare!… Raccontateci un altro episodio bello della festa!

TONINO: E va bbuono, và! Proprio pecchè ti stanno pregando in ginocchio!

TOTONNO: (Burlando il figlio) Grazie!… Grazie tante, polecìno mio! (Si risiede vicino alla tavola. Un colpo di tosse) Primma v’aggio ditto che quanno Francisco d’ ‘o Prieno sciuglieva ‘e fune d’ ‘o Majo, era nu spettacolo! ‘A gente chiagneva chê lacrime all’uocchie!… Na vota (chesto mô raccontàje isso) nun ce ‘a facette a sciogliere ‘a fune chiù auta, pecchè chiuveva che Dio se n’era scurdato! ‘O Majo era diventato sciuliuso comme ‘o palio d’ ‘o sapone e ‘o nùreco nun se vuleva sciogliere ‘e nisciuna manèra . Ce provaje pure chê diente!… Ma ‘o nùreco nun ne vulette sapè ‘e se sciogliere!… Francisco, ormai senza forze, avett’ ‘a rinuncià e scennette primma ‘e cadé abbascio!… ‘A gente guardaje ‘a fune ncimm’ ô Majo senza fiatà. Ce steva nu silenzio ‘e tomba! Po uno alluccaje: “Evviva ‘o Majo ‘e S. Stefano!” Allora, accumminciàjeno a scuccà ‘e mmane tutte quante pe nasconnere ‘o chianto ‘e Francisco… Nun era maje succieso na cosa accussì dint’ â storia d’ ‘o Majo. Francisco se sentette ‘a messa câ capa calata e ogne tanno sotto sotto guardava ‘a fune comme a nu guerriero ferito. ‘A notte, mentre smaniava dint’ ô suonno, sentette na voce che ce diceva: “Francì, aìzate!… Aìzate e va a sciogliere ‘a fune d’ ‘o Majo!” “Era ‘a voce ‘e S. Stefano!” me dicette… Allora se aizàje e senza ‘e se perdere ‘e curaggio, uscì dâ casa primma che spuntasse ‘o sole, jètte nnanze â chiesa deciso a terminà la sua opera incompiuta. Se arrampicaje ncopp’ ô Majo comme a nu vatto e sciogliètte ‘a fune. Po giràje ll’uocchie verso ‘a chiesa e ringraziàje S. Stefano p’ ‘a forza che ce aveva dato! Penzàte â maraviglia dâ gente, quanno ‘a matina d’ ‘o 26 Dicembre jèttero â chiesa p’ ‘a prucessione e vedetteno che nun c’era chiù ‘a fune ncimma ô Majo e ncopp’ â porta d’ ‘a chiesa Francisco che salutàje a tutte cô surriso ‘e n’ommo felice! Allora tutte capètteno ‘o fatto e ce mettéveno ‘a mano ncopp’ â spalla, dicenno: “Bravo!… Bravo, Francì!” (Tutti applaudono.)… Avvocà, mo primma che me metto a chiàgnere, chiammate n’ato nummero!

AVVOCATO: (Scuote a lungo la tombola ed estrae altri numeri.) 20: ‘a festa… 31: ‘o padrone ‘e casa… 55: ‘a musica…

PEPPE: Chella che stanotte sona Tubbia ‘o pittore appriesso â prucessione!… Pe-pe pe-pe pe-pe pe pepepepepepepe!… Pepepepepepepe!…

AVVOCATO: 8 …

TONINO : ‘O ribbotto

STEFANO: Chillo che sparàveno appriesso ô Majo fino a cinche o seje anne fa…

PEPPE: Fino a quanno ‘e carabbiniere dicettero: “Basta!… Mo nun se sparano cchiù ‘e ribbòtte!” E nun se sparàjeno chiù ‘e fucile!

AVVOCATO: 77: ‘e diàvule…

ROSETTA: Avvocato, chiamatemi un bel numero per la tombola!

TONINO: No, no, avvocà, nu la penzate. Sorema tene ‘e puparuóle d’ ‘o marito… Io aggi’ ‘ a fa ‘a tommola, nu pazziate proprio!

AVVOCATO: 88: I provoloni…

NANNINA: Nun ve pigliate còllera, figlie mieje!… Aggio fatt’io tommola!… Stè, bello ‘e mammà, pigliame ‘e sòrde!

TONINO: Noooo! Chesta nun è giustizia!… Nu riesco maje a fà ‘a tommola io! Comme songo sfortunato!

PEPPE: Ringrazia Dio che l’ha fatta mammeta, o si nno dimàne nun se mangiava!… Uhè! Accummenciate a sparecchià, pecchè mo esce ‘a prucessione.

NANNINA: Lasciate comme sta!… Mo sparecchio io. Iate â prucessione, che è tarde.

(Tutti si preparano per uscire.)

SPERANZA: Io vado un momento sopra a prendere i cappotti. Voi aspettatemi giù. Faccio subito!

PEPPE: (Apre la finestra. Guarda fuori.) Che bell’aria che ce sta!… Stanotte appriesso â prucessione ce sarrà tutto Baiano!… E dimane, pe vedè ‘o Majo, venarrà nu sacco ‘e gente pure dê paese vicine!

TONINO: Nuje avimmo ‘a fa scarrupà Baiano!… ‘O Bambino ha dda zumpà d’ ‘a cuntentezza quanno sentarrà ‘e carabine ê tricchetracche!

TOTONNO: Guagliù, ‘o Bambiniello cu Santo Stefano nun se fanno ncantà da quatte botte e da folla… Chilli songo cuntente si vuje iate câ fede dint’ ‘o core… e no cô liquore ncuorpo o chê carabine ncoppa ê spalle !

STEFANO: Mammà, nuje turnammo ‘a casa doppo ‘a messa!… Papà, e tu nu scenne?

TOTONNO: Guagliù, iàte vuje! E che ‘o Signore v’accumpagna!… Io faccio cumpagnia a Nannina… Facìte na preghiera pure pe nuje!

(Escono tutti. Saluti vari di circostanza. Totonno continua a giocare a carte. Nannina sparecchia la tavola. Mezz’ora dopo . Da fuori provengono spari di tracchi e di carabine. Nannina va ad aprire la finestra.)

NANNINA: Totò, vieni!… Mo passa ‘a prucessione.

(Si sente da lontano la musica che accompagna il Bambino: “Tu scendi dalle stelle”. Totonno prende da un cassetto della credenza alcune stelline. Le poggia sul davanzale della finestra. Ne accende due e ne dà una a Nannina. Restano affacciati mentre passa la processione. Si fanno il segno della croce.)

TOTONNO: Nannì, he visto quanta gente appriesso â prucessione?… Eheee! Quanno ‘a nuttata è bella, tutte vanno appriess’ô Bambino!

NANNINA: Totò, tante aùrie! (Si scambiano due baci.)

TOTONNO: Comm’è stato bello chist’anno a passà ‘a serata tutte nzieme, aspettann’ ‘o Bambino!

(Si affacciano ancora alla finestra per vedere allontanare la processione, mentre cala il sipari

 

© 2018 - I testi e le immagini sono di proprietà di Montella Carmine, Baiano (Avellino). E' vietata l'utilizzazione senza l'autorizzazione dell'autore.
   
| Lunedì, 22. Ottobre 2018 || REPRINTED BY MONTELLA CARMINE |